Come coltivare la vaniglia in vaso

di Valentina Cervelli Commenta

Come coltivare la vaniglia in vaso? Non è difficile da fare: per riuscire nell’intento basta seguire alcune regole base per la sua cura e manutenzione non dimenticando che si tratta pur sempre di una pianta appartenente alla famiglia delle orchidee e quindi necessitante di particolari attenzione.

Detto questo parliamo di una pianta facilmente coltivabile all’interno della propria abitazione o in serra: è importante infatti che la vaniglia non venga esposta alla luce diretta del sole. Per rendere più agevole la sua coltivazione ai neofiti, consigliamo di prendere una pianta già sviluppata, mentre nel caso si abbia una maggiore dimestichezza si può pensare ad una impollinazione manuale (la pianta apre un solo fiore al giorno che una volta richiusosi non si aprirà più, N.d.R.) o ad una talea di tronchi.

Per la sua crescita è importante fornire un buon substrato che, nel caso della vaniglia, è composto da terreno umido e ben concimato: meglio ancora se si fa uso di humus è il più consigliato. Luminosità e calore devono essere forniti ma senza esposizione diretta ai raggi solari. Fattore importante per il suo sviluppo è quello delle irrigazioni. Le annaffiature devono essere frequenti, con un leggero calo in inverno e le foglie devono essere nebulizzate in modo da ricreare il più possibile attorno a loro l’ambiente naturale favorevole alla loro crescita. E se si vuole davvero riuscire a coltivare la vaniglia in vaso,  soprattutto in primavera un fertilizzante liquido ogni 10 giorni è consigliato per aiutarla a crescere più forte e sana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>