Come fare una lavatrice perfetta

di Valentina Cervelli Commenta

Come fare una lavatrice perfetta? O meglio come dovrebbero imparare a regolarsi tutti coloro che non hanno dimestichezza con il mezzo (i neofiti dell’uso di questo elettrodomestico, N.d.R.) per non incontrare problemi nell’esecuzione del proprio bucato? Scopriamolo insieme.

Divisione dei colori

La divisione dei colori è basilari. E’ importante dividere i bianchi, i chiari e gli scuri. Questi ultimi vanno lavati a freddo, i chiari con acqua tiepida ed i bianchi in acqua calda: è necessario per riuscire ad igienizzarli e pulirli senza rovinarli ma ottenere al contempo il migliore risultato possibile. Non solo: è basilare leggere le etichette dei capi per avere delle chiare indicazioni di lavaggio e stiraggio e non sottovalutare i capi di colore rosso. Essi sono i più complicati da gestire: ottenere dei capi rosa di rimando è facilissimo, in particolare se i capi sono nuovi. Teoricamente questo problema non si dovrebbe presentare dopo 2 o 3 lavaggi, ma è sempre meglio verificare la loro capacità di “tintura” inumidendone una parte e stirandoli tra due lembi di stoffa bianca. Se questa rimane macchiata… sarà meglio pulire gli stessi a parte.

Scegliere il programma giusto

Non bisogna trascurare i programmi pre-settati dalla lavatrice stessa: essi possono rappresentare un valido aiuto per gestire particolari tipi di bucato, trattandoli come necessario in quanto a temperatura, centrifuga e tempi di lavaggio.

Non trascurare l’ammorbidente

Si può dire che questo elemento quasi non sia necessario: il punto è che soprattutto quando si tratta di lavare asciugamani la sua mancanza si sente. Meglio spendere qualche euro di più e godere di un bucato perfetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>