Come influenzare la salute attraverso le posizioni del sonno

di Valentina Cervelli Commenta

Come influenzare la salute attraverso le posizioni del sonno? Non è qualcosa di cui ci si rende conto, ma è qualcosa che si fa continuamente ogni notte. Scopriamo insieme quali di esse apportano benefici e come.

Molti studi in materia indicano come per ogni modo di riposare vi siano pro e contro: per migliorare la propria salute, sotto specifici parametri bisogna fare attenzione a come ci si poggia sul materasso.

Dormire sul lato sinistro

Dormire sul lato sinistro del letto, ad esempio, aiuta coloro che soffrono di bruciore di stomaco ad alleviare i sintomi di tale stato evitando che vi sia un maggiore reflusso di acidi gastrici. Al contempo però non rappresenta un toccasana per coloro che soffrono di disturbi cardiaci o ipertensione. Le ricerche suggeriscono che si sperimentano maggiori incubi in questa posizione.

Sulla schiena

Quando il materasso è di qualità è una posizione perfetta per chi soffre di mal di schiena, a patto che la testa sia posta in posizione corretta. A beneficiare di questa è anche la pelle del viso. Il contro è che rappresenta la posizione che favorisce l’apnea nel sonno, sia che si tratti di un disturbo transitorio sia che si sia affetti da apnea ostruttiva: l rischio è quello di  una minore ossigenazione del cervello e della muscolatura, cuore compreso.

La posizione fetale

La posizione fetale è tipica del sonno di molte persone: perfetta per la schiena e la muscolatura si rivela pessima, secondo gli studiosi, per il collo e chi soffre di cervicale a meno che non si abbia un buon cuscino a fare da supporto

Sul lato destro

Questa posizione è perfetta per chi soffre di ipertensione grazie alla minore pressione sul lato del cuore che favorisce la circolazione. Di contro è sconsigliata alle donne in gravidanza: sembra influire sul posizionamento del feto e sulla sua sopravvivenza.

Sulla pancia

Si digerisce meglio, ma il corpo risulta più teso sia per muscolatura che apparato osseo.

Photo Credits | AntonMaltsev / Shutterstock.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>