Come inserire piante vive nell’arredamento

di Valentina Cervelli Commenta

Come inserire piante vive nell’arredamento? Non sono elementi che vengono considerati da tutti come usufruibili come decorativi: eppure con un pizzico di pollice verde e di attenzione si può riuscire ad ottenere molto con il minimo sforzo.

La prima cosa da fare è capire se si vuole dare alle suddette piante un ruolo da protagoniste o da comprimarie nell’arredo. In quest’ultimo caso infatti si potrà puntare su qualsiasi tipo di vegetale sia in grado di poter sopravvivere all’interno e sia esteticamente piacevole e contenuto da poter essere utilizzato come “soprammobile“. Attenzione: in questo caso non si parla di fiori recisi che per quanto belli portano con sé comunque una data di scadenza ben precisa quanto di piccole piante con tanto di substrato e sottovaso che devono essere coltivate come figli e curate amorevolmente per sopravvivere.

Se non si è troppo ligi a tempi specifici si può puntare su delle piante grasse o succulente: di solito richiedono poca manutenzione e poca acqua. Se posizionate lontano da fonti di calore o sbalzi di temperatura possono dare davvero molte soddisfazioni, soprattutto in camera da letto o in cucina.

Per ciò che concerne il salone o la living room si può pensare davvero in grande. Puntando ad un Banano nano, ad un Ficus Lyrata o ad una Monstera: l’importante è dare loro il giusto spazio, la giusta illuminazione e tutte quelle cure che le piante necessitano per sopravvivere. A partire da un vaso adeguato alle loro esigenze di sviluppo, accompagnando il tutto con un buon substrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>