Come preparare hamburger vegani

di Valentina Cervelli Commenta

Come preparare gli hamburger vegani? Se si segue questa tipologia di dieta, ovviamente la carne non è un’opzione plausibile d’utilizzo, ma può essere facilmente sostituita con degli impasti specifici a base di legumi, tofu e derivati del glutine.

Ovviamente l’impasto della “carne veg” può differire a seconda dei gusti: ecco quindi che la soluzione migliore è fare un mix bilanciato delle proteine e carboidrati vegetali che si hanno a disposizione. Un esempio? Si possono creare degli ottimi burger di lenticchie e quinoa, oppure di seitan (glutine) e fagioli rossi. O ancora di spinaci e tofu: questo ovviamente se si vuole un risultato più vicino all’originale di carne e non semplicemente preparare le verdure in altro modo.

Quel che è necessario ricordare è che a seconda del “mix” scelto potrebbe esserci bisogno dell’uso di un legante. Di solito le patate lessate e schiacciate, grazie al loro amido, sono perfette per ovviare al problema e saranno tra l’altro in grado di dare consistenza al burger senza seccarlo.  Farina e pangrattato sono perfetti da utilizzare in tal senso, come per un hamburger tradizionale, soprattutto se si usano quelle derivanti dai legumi ed altrettanto adatta è la quinoa che se non usata come ingrediente principale, se bollita e frullata è il legante per eccellenza.

Una volta creata la forma voluta per l’impasto, per ciò che concerne la cottura non si ha bisogno di fare nulla di diverso da quello che si farebbe per un normale hamburger di carne, avendo cura di far cuocere la propria “polpetta” almeno cinque minuti per lato per ottenere una gustosa crosticina in superficie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>