Come conservare i fagiolini

 
Daniela
18 settembre 2011
Commenta

I fagioli sono tra gli ortaggi più utilizzati in cucina, complice il fatto che ce ne sono di tante qualità ognuna con diverse caratteristiche: di alcune si possono consumare solo i semi, altre, invece, insieme al baccello, oppure, come nel caso dei fagiolini, direttamente interi. Questi ultimi in particolare sono molto usati in cucina perché si prestano bene a diverse preparazioni e rappresentano una perfetta verdura da dispensa, ovvero da tenere a portata di mano in caso di emergenza; vediamo, quindi, come conservare i fagiolini in vista dell’inverno.

I fagiolini possono essere conservati sia sott’olio che sott’aceto; se decidete di metterli sott’olio, scegliete dei fagiolini freschi, carnosi e senza filo, spuntateli, lavateli e cuoceteli al dente in aceto; scolateli e fateli asciugare bene e il giorno dopo sistemateli all’interno dei barattoli di vetro che andrete a riempire d’olio d’oliva.

Se, invece, decidete di mettere i fagiolini sott’aceto, sceglietene di piccoli e teneri, fateli sbollentare in acqua salata, scolateli al dente, asciugateli e fateli riposare all’aria per 24 ore. Il giorno dopo fate bollire per qualche minuto l’aceto con qualche grano di pepe e dei chiodi di garofano, fate raffreddare e usate per riempire i vasetti nei quali avrete sistemato i fagiolini.

I fagiolini possono essere anche conservati al naturale: spuntate e lavate dei fagiolini freschi dalla polpa tenere e con semi piccoli, sistemateli all’interno dei vasetti e versateci dell’acqua bollente, dopodiché procedete subito con la sterilizzazione. Procedimento analogo per la conservazione dei fagiolini sotto sale: spuntateli, lavateli e cuoceteli al dente in acqua salata bollente, scolateli e sistemateli nei barattoli; poi fate bollire altra acqua, aggiungendo per ogni litro 20 g. di sale e, infine, versatela ancora calda sui fagiolini e sterilizzate.

Un’altro modo per conservare i fagiolini è farli seccare; spuntateli, lavate e cuoceteli al dente in acqua bollente; asciugateli bene con un canovaccio ed esponeteli al sole per un giorno, al termine del quale li riporrete all’ombra in un luogo ventilato nel quale finiranno di seccarsi; dopodiché conservateli in un luogo fresco all’interno di sacchetti di tela da tenere appesi. Prima di consumarli ricordate di tenerli in ammollo per almeno 12 ore.

Articoli Correlati
Come conservare i cetrioli

Come conservare i cetrioli

Estate, tempo di conserve. Oggi vi spiegheremo i modi per conservare i cetrioli, gli ortaggi protagonisti delle insalate estive che, con questi sistemi, potrete gustare anche d’inverno. I cetrioli si […]

Come conservare i capperi sott’olio

Come conservare i capperi sott’olio

I capperi sono molto diffusi nella nostra cucina per arricchire e dare sapore a diversi piatti. Se avete a disposizione i capperi freschi per mantenerli gustosi a lungo potete usare […]

Come conservare i peperoncini

Come conservare i peperoncini

Il peperoncino è indispensabile in cucina: permette di dare sapore a moltissimi piatti oltre ad essere un ottimo alleato per la salute e per la forma fisica: vale, quindi, la […]

Come fare la giardiniera sott’aceto

Come fare la giardiniera sott’aceto

Qualche giorno fa vi abbiamo spiegato come mettere le verdure sott’aceto, uno dei metodi migliori per conservare le verdure in vista dell’inverno; se avete molte verdure a disposizione e ormai […]

Come conservare la verdura sott’aceto

Come conservare la verdura sott’aceto

Sicuramente a tutti vi sarà capitato di mangiare dei cibi sott’aceto: dai cetriolini, alle cipolline, passando per la classica giardiniera: la conservazione degli alimenti sott’aceto è una delle tecniche migliori […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento