Come conservare la verdura sott’aceto

 
Daniela
9 settembre 2011
Commenta

Sicuramente a tutti vi sarà capitato di mangiare dei cibi sott’aceto: dai cetriolini, alle cipolline, passando per la classica giardiniera: la conservazione degli alimenti sott’aceto è una delle tecniche migliori per la conservazione dei cibi, vediamo perché e come fare a mettere sott’aceto le verdure in modo corretto.

La conservazione degli alimenti sott’aceto è una tecnica molto antica, conosciuta già al tempo dei greci e dei romani, e particolarmente adatta alla conservazione delle verdure perché l’aceto possiede la capacità di alzare il livello di acidità del cibo, oltre a risultare meno calorico rispetto alle preparazioni sott’olio.

Affinché la conservazione sott’aceto possa dirsi corretta e assolutamente non nociva per la salute, è necessario seguire alcune regole base. Se decidete di conservare le verdure sott’aceto, dovete tenere presente che esse contengono molto acqua e che quindi è necessario toglierla facendola bollire insieme all’aceto, in modo da mantenere il giusto grado di acidità di esso, che si aggira attorno al 7%.

Le verdure da mettere sott’aceto devono essere fresche e di buona qualità, così come le casseruole, preferibilmente in acciaio inox, nelle quali cuocere acqua e aceto; per la conservazione sott’aceto della verdura è meglio usare l’aceto bianco di vino o di mele.

Tra gli alimenti che possono essere conservati sott’aceto ci sono: cetriolini, cipolline, peperoni, mix di verdure, la giardiniera appunto, ma anche alici e sgombri. Vediamo adesso il procedimento vero e proprio per mettere sott’aceto le verdure.

Lavate bene tutte le verdure e tagliatele a pezzetti, poi mettete sul fuoco una pentola con aceto, acqua, sale e zucchero, fate bollire, buttate le verdure e lasciate sul fuoco per 10 minuti; dopodiché togliete la pentola dal fuoco, scolate le verdure e fatele raffreddare, poi sistematele all’interno delle caraffe da conserva.

Coprite le verdure con l’aceto di cottura filtrato, chiudete bene i barattoli e sterilizzateli facendoli bollire per mezz’ora nell’acqua; fate raffreddare l’acqua, estraete i barattoli, asciugateli e fateli riposare per almeno 30 giorni prima di consumare le verdure sott’aceto.

 

Articoli Correlati
Come fare le melanzane sott’aceto

Come fare le melanzane sott’aceto

Le melanzane sott’aceto sono un contorno davvero molto piacevole, fresco e al tempo stesso perfetto per accompagnare sia gli antipasti sia un secondo a base di carne. La preparazione di questo prodotto […]

Come conservare i peperoni sott’olio

Come conservare i peperoni sott’olio

Uno dei metodi migliori per conservare i peperoni è metterli sott’olio: otterrete così una conserva molto saporita da usare come antipasto o come contorno per piatti di carne. Per preparare […]

Come conservare i capperi sott’olio

Come conservare i capperi sott’olio

I capperi sono molto diffusi nella nostra cucina per arricchire e dare sapore a diversi piatti. Se avete a disposizione i capperi freschi per mantenerli gustosi a lungo potete usare […]

Come conservare le verdure sott’olio

Come conservare le verdure sott’olio

Continuiamo il nostro viaggio all’interno dei metodi di conservazione delle verdure affrontando oggi la conservazione sott’olio, uno dei metodi più antichi per il mantenimento dei cibi e in particolar modo […]

Come fare la giardiniera sott’aceto

Come fare la giardiniera sott’aceto

Qualche giorno fa vi abbiamo spiegato come mettere le verdure sott’aceto, uno dei metodi migliori per conservare le verdure in vista dell’inverno; se avete molte verdure a disposizione e ormai […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento