Come lavorare il fimo

 
Daniela
1 marzo 2011
Commenta

Il fimo è una pasta polimerica modellabile con la quale si possono realizzare collane, bracciali, soprammobili e altri oggetti; questa pasta è sintetica e termoindurente, cioè si solidifica con il calore. Il fimo viene venduto in panetti colorati a tinta unita, anche se sono disponibili panetti con colorazioni particolari come l’effetto metallizzato o fluorescente; per ottenere una pasta di colore diverso da quello che trovate in commercio, basta mischiare i diversi colori.

Il fimo è semplice da usare, basta prendere la quantità desiderata di prodotto e lavorala schiacciandola con le mani fino a farla diventare morbida e farle assumere la forma desiderata. Per modellare il fimo si possono usare anche oggetti di uso comune per far assumere alla pasta la forma desiderata, oppure gli attrezzi che in genere si usano per modellare il Das, che sono facilmente reperibili e costano poco.

Per stendere la pasta fimo si può usare un classico mattarello di quelli che si usano per tirare la pasta e per evitare di macchiare il tavolo o il piano di lavoro, basta usare una tovaglietta di plastica o un tagliere. Lavorando il fimo a mani nude potrebbero rimanere delle antiestetiche impronte digitali, per ovviare a questo inconveniente, basta usare i guanti di plastica.

Il fimo va cotto in forno ad una temperatura di 100 o 130°C per un tempo che varia dai 15 ai 30 minuti, a seconda della grandezza dell’oggetto; gli oggetti da cuocere vanno posti su una teglia rivestita con carta da forno; se realizzate molti oggetti è bene dotarsi di un fornetto elettrico perché l’odore del fimo non è buono specie se subito dopo userete il forno per cuocere il cibo. Inoltre, soprattutto le prime volte che vi cimentate nella cottura del fimo, fate attenzione a non farlo bruciare, perché se si brucia sprigiona vapori tossici; non bisogna mai usare il forno a microonde per cuocere la pasta fimo.

Una volta che il fimo sarà cotto, il vostro oggetto risulterà resistente all’acqua e potrà anche essere lavato. Dopo la cottura l’oggetto assumerà un aspetto opaco, per renderlo lucido basterà usare l’apposita vernice oppure mischiare in parti uguali della colla vinilica con l’acqua e passarla sull’oggetto; fate asciugare il lucido e il vostro oggetto in fimo sarà pronto.

 

Articoli Correlati
Come fare un coniglietto pasquale di Fimo

Come fare un coniglietto pasquale di Fimo

I coniglietti quest’anno sono l’ultima moda per decorare casa in occasione della Pasqua. Da sempre sono considerati un simbolo pagano e sono molto amati dai bambini. Di seguito trovate le […]

Come fare gli orecchini in Fimo

Come fare gli orecchini in Fimo

Realizzare degli orecchini in Fimo è un passatempo molto divertente e permette di creare dei gioielli molto creativi e innovativi. Potete fare delle murrine, ma anche degli oggetti che ricordano […]

Come iniziare a modellare il Fimo

Come iniziare a modellare il Fimo

Braccialetti, orecchini, segnaposti, ma anche soprammobili di diversa dimensione in fimo. La fantasia e la manualità sono fondamentali per creare con poche mosse prodotti d’artigianato unici e particolari. Ovviamente però […]

Come lavorare il cernit

Come lavorare il cernit

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta delle paste polimeriche con il cernit, una pasta modellabile che, come il Das e il fimo, permette di creare diversi oggetti. Come il fimo, […]

Come modellare il Das

Come modellare il Das

Vi ricordate il Das, la pasta da modellare con la quale alle elementari ci facevano fare i lavoretti per la Festa della mamma o per la festa del Papà? Bene, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento