Come costruire un pergolato

di Mariposa 0

Come costruire un pergolato

Un bel giardino o un terrazzo con un pergolato nella bella stagione diventa davvero un fresco rifugio sotto cui leggere, riposare o organizzare qualche pranzo. Può anche trasformarsi in un meraviglioso angolo verde se viene decorato con qualche rampicante, come glicine o rose. Costruire un pergolato non è una cosa semplice ed è davvero molto importante seguire con attenzione le indicazioni.

Le misure del progetto

La prima cosa che dovete considerare è l’ingombro di questa struttura. Esiste veramente un angolo abbastanza ampio per ospitare il pergolato? Considerate che in media sono necessari almeno due metri per due. La prima cosa da fare quindi è prendere bene le misure e poi con righello e matita progettare il vostro oggetto che deve avere quattro piloni, alti almeno 2,5 metri. Fate molta attenzione: se il pergolato è un corpo a sé, posizionato al centro di un giardino, potete anche non curarvi del centimetro (tra i 210 cm e 260 cm andrà benissimo), se invece sarà appoggiato a una parete dove c’è una portafinestra, allora alzatevi di almeno 10 cm sopra per fare in modo che si possano aprire i vetri.

Montanti e travi

I montanti, oltre all’altezza, devono avere anche una certa dimensione per fare in modo che il pergolato sia stabile. Devono quindi avere un raggio (se rotondi) di almeno 15 cm oppure se quadrati devono avere il lato da 15.  I montanti delimiteranno l’area del vostro pergolato, quindi devono essere posizionati da progetto nei quattro angoli della struttura e devono essere perfettamente allineati formando un quadrato o un rettangolo. L’altro elemento base del pergolato sono le travi.  Avete bisogno di almeno due travi portanti che devono fare la lunghezza del vostro pergolato e tre travi che invece facciano il lato più corto (la terza deve stare a metà). Queste assi devono essere larghe almeno una spanna. Per fermarle dovete chiodarle, mentre i pali, affinché siano realmente resistenti, vanno cementati.  Ovviamente, procedete a fissare le travi sono dopo che il cemento sia risultato asciutto.

Il tetto

Come avete visto manca completamente il tetto del nostro pergolato. Per procedere dovere decidere lo stile che avrà: lo desiderate impermeabile? Preferite che sia una struttura rustica o che invece possa ospitare delle piante? Allora un pergolato in legno non sarà mai totalmente impermeabile, però potete fare in modo che lo sia  il più possibile, ricoprendo tutto il tetto con le assi di legno chiodate e poi facendo correre sopra un foglio di plastica trasparente. Se invece desiderate una cosa più rustica, ideale per una bella casa al mare, potreste ricoprirlo che dei fusti di canna. Vanno fermate una con l’altra con del filo di ferro che andrà poi fatto girare anche attorno alle travi. Per far arrampicare, invece, le piante, vi consiglio di prendere una semplice rete o al massimo fissare, ben distanziati delle piccolissime assi (massimo 5 cm di larghezza).

I materiali

Per compiere tutte le operazioni avete bisogno di 4 montanti, almeno 4 travi (due per il lato lungo e 3 per quello corto), chiodi, bulloni per fissare), cemento, martello, un martello pneumatico se dovete forare il pavimento per fissare il vostro pergolato, altrimenti una pala per scavare nel terreno. Vi serviranno dei fusti di canna, se volete ricoprire il tetto in modo rustico e possibilmente del filo di ferro per fissarli. Comprate altrimenti una rete metallica e delle assi di legno per far girare i rampicanti. Avete inoltre bisogno di una vernice impregnante per trattare il legno, soprattutto i pali portanti: questo prodotto serve a riparare il materiale da acqua, sole, vento e anche dalle eventuali tarme che possono mettere a dura prova la stabilità della struttura. Infine, se volete ricoprire il tetto con delle altre assi di legno, acquistate un telo in plastica o plastificato da uso esterno e fissatelo con una chiodatrice pneumatica.

Photo Credits| ThinkStock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>