Come riciclare i dispositivi elettronici

di Marco Commenta

Nel mondo di oggi così saturo di tecnologia digitale, quasi tutti possediamo almeno un grande dispositivo elettronico: telefono cellulare, iPod, laptop, computer, stampante, macchina fotografica digitale, console di gioco, e tanti altri. Poiché questi dispositivi diventano obsoleti abbastanza in fretta, devono essere sostituiti da nuovi modelli più veloci mediamente ogni 2-3 anni. E così ci ritroviamo con una montagna di oggetti non semplici da riciclare, dato che non si possono infilare nè nel cestino della plastica, nè in quello dei metalli, nè in altri raccoglitori per la raccolta differenziata.

E allora cosa fare? Si potrebbe semplicemente scaricarli nel bidone dell’immondizia, ma a questo punto state commettendo un crimine ambientale (oltre che morale); potete smontarli e staccarne le varie componenti, se ne siete capaci, per utilizzarle come pezzi di ricambio per altri apparecchi, oppure disfarvene in modo corretto ed eco-friendly. Dopo il salto qualche dritta.

La prima cosa da fare quando ci si vuol sbarazzare di un vecchio dispositivo elettronico è consultare le pagine gialle. In molte città esistono imprese ed enti di beneficenza e volontariato che saranno liete di prendere i dispositivi vecchi e smaltirli in modo corretto. In alternativa esistono diversi negozi di elettronica che ritirano i vostri dispositivi per smontarli e riutilizzarne i pezzi, oppure alcune multinazionali, come la Philips, prendono in permuta il vostro vecchio macinino (ad esempio un televisore di 20 anni fa) per farvi uno sconto su quello nuovo di ultima generazione.

Se si vuol controllare la disponibilità a questa permuta o al ritiro del dispositivo vecchio, il consiglio è di consultare il sito ufficiale della casa produttrice, o contattare la sede italiana per avere tutte le informazioni del caso. Se ti senti generoso, puoi donare in beneficienza il tuo cellulare/televisione/computer o quant’altro ad uno dei tanti enti che assistono i poveri, dalla Caritas agli orfanotrofi, mentre se volete guadagnarci un po’ di soldi (ma davvero pochi), è possibile vendere i vostri apparecchi usati su eBay o altri siti di eCommerce. A patto che siano funzionanti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>