Come comporre un sonetto

di Marco Commenta

Gli italiani, popolo di poeti, santi e navigatori, non sanno più scrivere poesie. Per far rivivere un po’ quest’antica arte che ci ha resi famosi in tutto il mondo, proviamo a darvi le linee guida per la composizione del sonetto, una delle forme letterarie più auliche.

Il sonetto è una poesia composta da 14 versi, e ne esistiono due tipi principali: inglese (o di Shakespeare) e italiano (o di Petrarca). Ma per poter scrivere una poesia, oltre ad attenersi alla seguente procedura, breve e semplice da padroneggiare, ci sarà bisogno dell’ispirazione e di una cosa che nessun’altro all’infuori di voi può darvi: l’amore per la poesia.

Fase 1: Selezionare l’oggetto del vostro sonetto. I temi sono spesso incentrati sull’amore o la filosofia, ma i sonetti moderni sono in grado di coprire quasi ogni argomento, compresi quelli più attuali dall’economia all’ambiente. Nulla è vietato nella letteratura.

Fase 2: Dividere il tema del vostro sonetto in due sezioni. Nella prima sezione si presenterà la situazione o il pensiero al lettore, nella seconda si può presentare un qualche tipo di conclusione.

Fase 3: Componi la tua prima sezione con tre quartine, vale a dire tre strofe di quattro versi ciascuna.

Fase 4: Scrivere le tre quartine con la rima ABAB, CDCD, EFEF, dove ogni lettera rappresenta un verso del sonetto e le ultime parole di tutti i versi con la rima della stessa lettera. La maggior parte dei sonetti impiegano il metro di pentametri giambici, come accade in “Sonnet 30” di Shakespeare.

Fase 5: Comporre l’ultima sezione, con un distico (due versi della poesia in rima). Questa volta, usare uno schema di rima GG, in cui le ultime parole dei due versi sono rima l’uno con l’altro.

Buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>