Come affrontare l’estate senza aria condizionata

di Marco 1

Come affrontare l'estate senza aria condizionata

L’estate si sta avvicinando velocemente, e molti di noi rabbrividiranno al pensiero di dover scegliere tra bollette elettriche esagerate (con annessa spesa per l’impianto dell’aria condizionata, se non l’avete già in casa) o vivere in un bagno di sudore.

Ma in realtà, è possibile effettuare alcuni cambiamenti nel vostro stile di vita che possono alleviare la dipendenza dall’aria condizionata, e in ultima analisi, ridurre il consumo energetico durante l’estate, così saranno più leggere anche le vostre bollette. Provate alcuni di questi consigli per mantenere la giusta temperatura in casa non usando l’aria condizionata, e riducendo costi ed emissioni.

Fase 1: Ventilatore a soffitto. Installare un ventilatore a soffitto se non se ne possiedi già uno. I ventilatori a soffitto consumano pochissima energia elettrica, ma possono far abbassare la temperatura di una stanza fino a 10 gradi. Inoltre, rispetto ad un condizionatore d’aria centrale da 2,5 tonnellate che utilizza 3.500 watt-ora in una sola ora di funzionamento, un ventilatore a soffitto utilizza solo 75 watt all’ora, all’incirca quanto un televisore da 19 pollici.

Fase 2: Assicurarsi che il ventilatore a soffitto spinga l’aria verso il basso e non la risucchi. I ventilatori a soffitto soffiano l’aria verso il basso quando le pale ruotano in senso antiorario.

Fase 3: Fare la doccia fredda durante il giorno. Il costo dell’acqua che si intende utilizzare impallidisce in confronto al costo dell’aria condizionata. Inoltre una doccia rinfrescante può mantenere la pelle fresca per le ore successive.

Fase 4: Novità per il letto. Se ti piace dormire su un cuscino fresco o dormi meglio quando non sei sudato, ci sono una serie di nuovi prodotti disponibili per risolvere entrambe le situazioni. L’acquisto di un cuscino pieno d’acqua è ottimo per mantenere la testa refrigerata ed è anche altamente raccomandato dai chiropratici per le persone con dolore al collo. Un altro dispositivo ottimo è il ventilatore da letto. Si tratta di un ventilatore che gira sotto le coperte, dolcemente soffiando aria fredda verso il vostro corpo per tutta la notte. Ovviamente i consumi sono di gran lunga inferiori rispetto al condizionatore d’aria.

Fase 5: Installa schermi solari o una pellicola riflettente sulle finestre. Il 30% del fabbisogno di raffreddamento di una casa proviene direttamente dai raggi del sole che vi battono sopra. Gli schermi solari sono in grado di bloccare circa il 65%  del calore proveniente da questi raggi e la pellicola riflettente può respingerne circa il 60%, pur permettendo alla luce di entrare. Con questi prodotti installati, si può ancora godere della luce del sole, diminuendo il livello di calore nella vostra casa.

Fase 6: Usa lampadine fluorescenti compatte. Le lampade ad incandescenza tradizionale emettono il 10% di luce e il 90% di calore, il quale finisce con l’aumentare la temperatura in casa. Al contrario, le lampadine a risparmio energetico emettono il 90% di luce e solo il 10% di calore.


Commenti (1)

  1. spalmarsi addosso gel rinfrescanti alla menta, posizionare fuori sulle pareti delle reti con dei rampicanti diminueranno il calore, posizionare delle bottiglie di plastica con ghiaccio dietro il ventilatore.
    posizionare sulle zanzariere dei teli di cotone da inumidire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>