Come calcolare IMU

di Andrea 0

Come calcolare IMU

Ormai siamo prossimi alla scadenza della prima rata dell’ IMU, nuovo nome dato a quella tassa comunale denominata ICI che già non andava giù alla maggior parte della popolazione. La famigerata tassa sugli immobili è stata reinserita dal governo Monti per arginare il buco economico dovuto alla crisi che stiamo attraversando. Ma mentre l’ICI entrava tutta nelle casse dei comuni, l’IMU dovrà essere suddivisa tra Governo e comuni ed anche sul bollettino di pagamento dovranno, molto probabilmente, essere specificate le percentuali della rata da imputare ad ogni ente.

Per venire incontro ai contribuenti sono state inserite tre rate: la prima rata si dovrà pagare entro il 16 giugno mentre le successive a settembre e a dicembre. Se poi ne avete la possibilità potete anche pagare l’IMU in sole due rate con le canoniche scadenze di giugno e dicembre.

Non è ancora ben chiaro a tutti come calcolare IMU né quale sia l’importo che si dovrà pagare. Infatti  la rivalutazione della rendita catastale degli immobili, passa dal 100% al 160%. Mentre per ciò che concerne le aliquote comunali su cui fare il conteggio, per il momento restano fissate le stesse previste per l’ICI dove  l’aliquota per l’abitazione principale è del 4*1000. I comuni, delibereranno le nuove aliquote, che quasi sicuramente nella totalità dei casi verrà aumentata, su cui calcolare l’IMU, solo a dicembre.

Difatti, con il versamento dell’ultima rata dell’imposta, dovrà essere effettuato un conguaglio tra quello già versato sulla scorta delle vecchie aliquote e l’ultima rata calcolata applicando le nuove aliquote deliberate. In tutto questo, c’è molta confusione e soprattutto timore dell’importo che si dovrà pagare. Siamo certi di farvi cosa gradita illustrandovi tre applicazioni gratuite che vi aiuteranno a calcolare il costo dell’IMU e ad avere grosso modo idea a quanto ammonti la vostra imposta.

IMU 2012

La prima soluzione di cui vi parliamo è per il computer. Si tratta di un servizio online gratuito pubblicato sul sito di Repubblica, che con pochi e semplici elementi vi consentirà di calcolare l’ipotetica IMU che dovreste pagare. Se vi interessa questo servizio, per maggiori dettagli vi rimandiamo al nostro articolo su come calcolare ICI.

iPhone

La seconda applicazione che vi illustriamo per calcolare IMU è quella per iPhone. Si tratta di Calcolatore IMU, un calcolatore dove dovrete semplicemente andare ad inserire alcuni dati relativi agli immobili di vostra proprietà e cioè: la rendita catastale del vostro immobile, la categoria catastale a cui appartiene l’immobile, il valore catastale dell’immobile stesso, la rendita catastale rivalutata del 5%, la rivalutazione del 60%.

Dovete poi  indicare se si tratta di prima o seconda casa, dove per prima casa si intende il luogo dove si ha la residenza. Si passa poi al calcolo dell’aliquota, che per la prima casa al momento è il 4*1000. Per la prima casa, è poi prevista una detrazione di 200 euro. Bisogna poi  specificare quanti figli si hanno al di sotto dei 26 anni che coabitano nella vostra stessa casa in quanto  per ogni figlio inferiore a quell’età si ha diritto ad una ulteriore detrazione pari a 50 euro per figlio. A questo punto potete lanciare il calcolo ed avere così una simulazione dell’ IMU da pagare.

Android

Nel terzo caso si tratta di una applicazione gratuita per Android: Calcolo IMU 2012. Anche con questa, inserendo i dati necessari, potrete avere una simulazione di come calcolare IMU. Specificate quindi la destinazione d’uso, la rendita catastale dell’immobile, se si tratta o meno di abitazione principale, quanti figli al di sotto dei 26 anni convivono con voi per poter applicare le detrazioni previste, inserite quindi l’aliquota, che varia se si tratta di prima casa o meno, la quota di possesso che avete dell’immobile ed i mesi di possesso dell’immobile stesso. È tutto!

[photo credits]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>