Come conservare i capperi sott’olio

di Daniela Commenta

conservare capperi

I capperi sono molto diffusi nella nostra cucina per arricchire e dare sapore a diversi piatti. Se avete a disposizione i capperi freschi per mantenerli gustosi a lungo potete usare un metodo molto efficace: la conservazione sott’olio; scopriamo la ricetta e anche altri metodi di conservazione.

Capperi sott’olio, la ricetta

Ingredienti: capperi, olio extra vergine d’oliva, aceto e sale fino

Preparazione

La conservazione sott’olio è uno dei metodi più diffusi per conservare i capperi; raccogliete i boccioli dei capperi quando non sono ancora aperti e, quindi, non ancora diventati un fiore, avendo cura di lasciare qualche millimetro di gambo. Metteteli in ammollo per sette giorni in una soluzione di acqua e sale fino, cambiando l’acqua ogni giorno. Il settimo giorno metteteli a bagno in acqua e aceto per ventiquatt’ore (il rapporto è una parte d’acqua e due di aceto).

Alla fine delle ventiquattr’ore di ammollo, scolate i capperi e sistemateli all’interno di una caraffa di vetro e copriteli con dell’olio extravergine di oliva. Chiudete il tutto con un tappo a chiusura ermetica e avrete ottenuto i vostri capperi sott’olio.

Oltre che sott’olio, altri due metodi di conservazione efficaci per i capperi sono sotto sale e sott’aceto.

Capperi sotto sale

Nel caso dei capperi sotto sale, ideali per aromatizzare salse o altri piatti, dovete procurarvi due chili di capperi e due chili di sale grosso. Anche in questo caso vanno colti dalla pianta quando non sono ancora aperti. Lavaterli, scolateli e metteteli ad asciugare al sole per circa due ore; poi, all’interno di un vaso sistemate uno strato di sale grosso e uno di capperi; continuate così fino a completare il vaso. Chiudetelo e conservatelo in un luogo fresco e asciutto. Prima di consumare i capperi sotto sale, sciacquateli con abbondante acqua fredda in modo da far perdere loro un po’ di sale.

Capperi sott’aceto

Se invece desiderate provare a preparare i capperi sotto aceto, procuratevi un chilo di capperi, un litro di aceto, una foglia di allora, una di basilico, alcuni chiodi di garofano e il sale. Lavate e scolate i capperi, cospargeteli di sale e lasciateli macerare per un paio di giorni; trascorso questo tempo fateli bollire insieme all’aceto, all’alloro, al basilico e ai chiodi di garofano; fate bollire per due minuti e poi toglieteli dal fuoco.

Sistemate i capperi in un vasetto unendo un po’ del sole nel quale hanno macerato, versatevi sopra dell’aceto tiepido, lasciate raffreddare e, infine, chiudete il vaso e conservate in un luogo fresco e asciutto.

 

Photo Credit | Thinkstock

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>