Come conservare il vino

di Gianni Puglisi 0

Una bottiglia di vino spesso è troppa. Quante volte l’avete avanzata? È molto importante conservarlo correttamente, perché un buon vino si può anche consumare in più di un pasto senza alterarne le proprietà organolettico. E poi, qualche consiglio anche per mantenere in ottimo stato le proprie scorte.

Come conservare il vino

Prima di tutto, le bottiglie si possono tenere sdraiate solo esclusivamente se il vino deve invecchiare, altrimenti è meglio che siano in verticale, affinché il tappo (soprattutto se in sughero) non sia per troppo tempo a diretto contatto. Esiste una temperatura di conservazione? Maggiore di 10 gradi e inferiore ai 18: la temperatura ottimale è di 10-12 gradi per i vini bianchi e 12-15 gradi per i vini rossi. È importante, tra l’altro, che non ci siano sbalzi termici.

Un’altra cosa importante è non agitare le bottiglie e proteggetele dalle vibrazioni che sollecitano il tappo riducendone l’elasticità e favorendo quindi la penetrazione dell’aria, che causa dell’ossidazione. Altra regola: non conservare il vino in damigiana per più di qualche giorno.

Se invece il vostro vino è in dame dai 5 ai 10 litri la durevolezza è di massimo 3 settimane, mentre i bag in box, grazie allo speciale “sottovuoto”, possono mantenere il vino fino a 3 mesi. La bottiglia aperta non dura più di 3 giorni. Può essere molto comodo l’utilizzo di un dispositivo in grado di aspirare l’aria, per evitare l’ossidazione (potreste mantenere la vostra bottiglia anche per 4 o 5 giorni). Ponete la vostra bottiglia in frigorifero sia che contenga un vino rosso che bianco (soprattutto in estate). Portate la temperatura a temperatura ambiente un’ora prima del consumo.

 

Photo Credits | Thinkstock

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>