Come costruire una fioriera in legno

di Gioia Bò 0

Come costruire una fioriera in legno

Le fioriere in legno costituiscono una splendida soluzione per l’arredamento del giardino e rappresentano una valida alternativa alla classica fioriera in ferro battuto acquistata nei negozi di giardinaggio. In commercio se ne trovano di tutti i tipi e per tutti i gusti, ma vi invitiamo a prendere in considerazione la possibilità di costruire da soli una fioriera in legno, sia per una questione pratica (potete scegliere le misure che desiderate) che per un fatto di soddisfazione personale. Scopriamo dunque come costruire una fioriera in legno.

Supponiamo che la nostra fioriera in legno debba essere lunga 150 centimetri e profonda 60 centimetri. Rechiamoci dunque in un negozio di bricolage ed acquistiamo delle assi di legno con spessore pari a 2 centimetri (il numero delle assi dipenderà dall’altezza della fioriera che vogliamo realizzare. In alcuni negozi specializzati si provvede anche al taglio delle tavole, secondo la misura fornita dal cliente.

In questo caso chiediamo di avere sei assi da 146 centimetri,  sei assi da 56 centimetri e tre assi da un 150 centimetri che fungeranno da fondo. Acquistiamo anche quattro travetti da 50 centimetri che fungeranno da raccordo tra assi. Naturalmente non dimentichiamo di comperare viti o chiodi per la realizzazione della nostra opera e procuriamo un trapano o un martello e della carta vetrata.

Ora passiamo alla realizzazione della nostra fioriera in legno, cominciando a fissare le assi dei lati lunghi sui quattro travetti. Possiamo utilizzare i chiodi o le viti, secondo le nostre esigenze, purché facciamo attenzione alla precisione del lavoro. Fissiamo poi lati corti sui travetti ed infine rovesciamo la fioriera e fissiamo le assi del fondo. Volendo, possiamo anche sistemare dei piedini sul fondo della nostra opera, così da evitare che la fioriera venga in contatto con l’umidità del terreno.

Una volta ottenuta una sorta di scatola in legno, distribuiamo una mano di isolante all’interno (meglio se optiamo per una pasta catramosa) in modo che il legno risulti impermeabile. Ora non ci resta che passare una mano di tintura impregnante sulle pareti esterne e goderci finalmente il risultato del nostro lavoro.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>