Come esporre la propria pelle al sole

di Gianni Puglisi 0

Come esporre la propria pelle al sole

Ormai pubblicità, libri, medici e campagne informative hanno ribadito molte volte quanto sia importante prepararsi al meglio prima di esporsi al sole e, nonostante l’estate sia inoltrata ormai, non sono pochi coloro che soltanto adesso si possono concedere qualche giorno al mare, grazie alle tanto sospirate ferie. I raggi ultravioletti, infatti, causano un invecchiamento precoce cutaneo, anche se recenti ricerche confermano che i raggi UV migliorano anche  il tono dell’umore, rafforzano le osse e contengono la vitamina D, in grado di difendere l’organismo dai tumori.

  • per prima cosa, è importantissimo controllare che i prodotti di bellezza utilizzati durante e dopo l’esposizione non contengano benzofenoni e azobenzene o, ancora, ossido di zinco, biossido di titanio e acido paraminobenzoico. Questa sostanze, secondo parecchi naturopati, se spalmati sul corpo ripetutamente potrebbero avere degli effetti nocivi e assorbire i raggi ultravioletti della luce solare.
  • preferite prodotti naturali che non utilizzano filtri solari chimici.
  • effettuate dei “Piccoli bagni di sole“, cioè esponete la pelle senza protezione per quindici minuti al giorno e per tre volte a settimana, per ottenere una buona fonte di vitamina D.
  • indossate un cappello scuro a tesa larga, anche per evitare problemi di pigmentazione cutanea che peggiorano con il passare degli anni. Toglietelo solo prima delle undici del mattino e dopo le quattro del pomeriggio.
  • i prodotti autoabbronzanti, contengono quasi sempre il diidrossiacetone, che sembra avere un forte legame tra l’abbronzatura artificiale e i danni provocati alla struttura del DNA. Meglio comprare dei prodotti che non contengano metalli pesanti.
  • consumate arance o vegetali che abbiano un colore verde intenso, per essere certi di ottenere una buona protezione solare. Essi, infatti, contengono il betacarotene, la luteina e la zeaxantina. Le verdure a foglia verde, poi, sono ricche di vitamina E e fermano il rossore causato dalle scottature.
  • al ritorno dal mare, soprattutto le prime volte, è consigliabile tamponare la pelle con aceto di sidro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>