Come lavare un coniglio

di Gianni Puglisi 0

Come lavare un coniglio

Lavare il coniglio non è una pratica complessa. Prima però di occuparvi della bellezza e dell’igiene del vostro animaletto, ricordate che il coniglio non ha bisogno di fare il bagno (come noi). Si occupa già da solo della sua pulizia. Se però si è sporcato un po’ troppo o magari lo tenete libero per casa e volete essere sicuri che attaccato al suo pelo e alle sue zampine non si sia annidato nulla, allora ogni tanto potreste lavarlo. Come si fa?

Non utilizzate i detergenti per il corpo che avete in casa: i prodotti per gli uomini non sono adatti, potrebbero creare delle irritazioni o delle dermatiti. Nei negozi per animali sicuramente vi forniranno uno shampoo adatto alle esigenze del vostro cucciolo (in base anche alla specie). Altrimenti diluite nell’acqua tiepida (ma proprio appena tiepida) dell’amido di mais o del bicarbonato. Non immergetelo completamente: tenetelo con una mano, e con l’altra lavate le zone sporche.

È ideale utilizzare una vaschetta. Fatto? Benissimo avvolgetelo in un asciugamano e con delicatezza rimuovete l’acqua in eccesso. Sarà un po’ come tamponare i capelli dopo lo shampoo. Non usate phon o getti di aria calda. Volendo potete anche pulire il vostro coniglio utilizzando dei prodotti a secco, che non prevedono l’uso di acqua. Lo shampoo a secco per coniglio si basa sullo stesso principio dello shampoo a secco per gli uomini: è una polvere (come la farina di granoturco) che va messa nelle zone sporche e poi massaggiate molto delicatamente. Lo sporco si eliminerà così: potete anche aiutarvi con una spazzolina.

Photo Credit | Thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>