Come pulire una canna fumaria

di Gioia Bò 0

Come pulire una canna fumaria

Il freddo intenso dell’inverno rappresenta ormai solo un ricordo ed è ora quindi di spegnere il caminetto per rilassarsi al tepore della bella stagione. Non dimentichiamo però di prenderci cura della nostra canna fumaria, affinché sia pronta ad essere utilizzata nella prossima stagione fredda.

Come fare per pulirla a fondo? Si potrebbe chiamare uno spazzacamino professionista, ma ci costerebbe un occhio della testa, sebbene il lavoro venga eseguito a regola d’arte. Oppure si potrebbe provvedere con il solito fai-da-te, raggiungendo il medesimo risultato e risparmiando un bel po’ di quattrini.

Per prima cosa occorre sapere dove è collocata la canna fumaria e poi comportarci di conseguenza. Cosa significa? Se la canna fumaria è su un terrazzo o su un tetto livellato, non ci saranno problemi per raggiungerla abbastanza agevolmente, mentre se è collocata sul bordo del tetto o su un piano inclinato, bisognerà munirsi di tutte le protezioni, magari legandosi con una corda attorno alla vita o addirittura montando un’impalcatura.

Per pulire una canna fumaria in modo efficace, infatti, è necessario operare dall’alto, inserendo una sorta di spazzola (scovolo), che percorra l’intera canna fino ad arrivare al pavimento del caminetto. La spazzola dovrà essere grande quanto il diametro della canna fumaria, in modo da staccare completamente la fuliggine che si è formata sulle pareti dela canna stessa.

Potrebbe accadere poi che la canna fumaria sia esageratamente lunga: come fare per arrivare fino alla base? In questo caso si lega una corda alla spazzola e si “appesantisce” il tutto, legando all’estremità libera un peso e facendo attenzione che il peso stesso scenda molto lentamente verso il pavimento del camino per non creare danni.

E se la canna è formata da gomiti? In questo caso vi occorrerà l’aiuto di qualcuno, perché dovrete usare una corda da srotolare all’interno della canna fumaria e poi farla tirare verso il basso nel momento in cui la spazzola si ferma sul gomito. L’operazione non è molto agevole, ma alla fine ne varrà la pena.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>