Come scegliere il pranzo giusto al lavoro

di Francesca Spanò 1

Come scegliere il pranzo giusto al lavoro

Il problema è comune a tutti,  alle donne e ora sempre di più pure agli uomini. Panini, prodotti carichi di condimenti e grassi non aiutano di certo a mantenersi in linea e in salute e non sempre è facile trovare il tempo e la voglia di cucinare qualcosa di genuino la sera precedente. Allora, come scegliere il pranzo giusto da portare in ufficio e da consumare durante la pausa lontani dai sensi di colpa? Del resto bisogna nutrirsi bene, visto che anche l’Ocse conferma che le giornate dietro ad una scrivania sono sempre più lunghe e pesanti. Si calcola che gli italiani si dedichino all’attività professionale per 1773 ore all’anno, superando ampiamente la media europea.

Il primo consiglio è quello di cercare di rendere la pausa pranzo sempre diversa ogni giorno della settimana, per quanto riguarda il cibo con una sana alimentazione e per quel che concerne il relax da dedicare a quell’attimo di tempo libero. Ecco qualche regola per sfruttare al meglio l’occasione di cambiare aria per un’oretta e ritornare in sede con più grinta:

  • evitate di continuare a restare seduti per tutto il tempo, soprattutto se svolgete già un lavoro sedentario. Cercate di dedicare almeno quindici minuti ad una rilassante passeggiata. Smaltirete anche più facilmente le calorie.
  • concedetevi un piccolo regalo ogni giorno: assaporate un caffè caldo, comprate un biglietto per il cinema o, ad esempio, un cd. Favorirete il buonumore e il vostro benessere.
  • variate il menù, cercando un buon equilibrio tra proteine e carboidrati. Ricordate che l’inverno è freddo e occorre mangiare ancora meglio. Se optate per un classico sandwich, controllate gli ingredienti. Meglio un buon panino integrale o ai cinque cereali, da imbottire con foglie di insalata, un buon formaggio o ancora della verdura. Ottima la bresaola o melenzane arrostite. I peperoni potrebbero risultate difficilmente digeribili e creare sonnolenza nel pomeriggio. Non dimenticate la frutta intera o sotto forma di spremuta, ricca di vitamine. Perfette, infine, la macedonia.

Commenti (1)

  1. Bel post! Sono d’accordo…alla pausa pranzo bisogna prestare molta attenzione. Altrimenti si rischia di accumulare inutili calorie. Altra cosa importante è non mangiare di fretta…come invece tutti fanno.
    Ho letto un altro articolo interessante su questo “problema”. Si chiama La nuova frontiera del fastfood. Dai un’occhiata!
    http://www.golagioconda.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2197:la-nuova-frontiera-del-fastfood&catid=96:secondo-noi&Itemid=343

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>