Come scegliere uno stampo per candele

di Francesca Spanò 0

Come scegliere uno stampo per candele

L’arte di creare candele fatte in casa, sta prendendo sempre più persone negli ultimi mesi per vari motivi: sono semplici da realizzare, rilassano, non richiedono lunghi e noiosi tempi di preparazione, arredano e costituiscono un regalo gradito e divertente per tutte le occasioni. Tuttavia, quando si vuole iniziare un lavoro di fai da te di questo genere, la prima cosa da decidere a parte i colori, è quella di scegliere uno stampo che si adatti perfettamente alle proprie esigenze. In commercio ne esistono parecchi e differenti per forma, misura, consistenza e qualità. Ovviamente quando si procede con la lavorazione, bisogna conoscere bene le temperature di tolleranza del materiale prescelto, per evitare che si sciolga e comprometta l’intera operazione.

  • il metacrilato è uno dei materiali più comuni per la creazione di candele fai da te; si tratta di una plastica trasparente con cui si producono supporti che possono resistere fino ad una temperatura di 110°. Presentano un foro e uno spillo per tendere lo stoppino.
  • il lattice, invece, è molto più morbido e sopporta un calore assai più forte, anche se la cera colata al suo interno non deve mai superare gli 85°. L’unico vero problema è rappresentato  dalla possibilità che si deformi il supporto se non correttamente posizionato. Bisogna, inoltre, evitare la stearina, in quanto potrebbe rovinare lo stampo.
  • la plastica e il PVC, sono i materiali più comuni con i quali vengono prodotti i materiali per dare forma alle candele. Sono dotati, di solito, da una o più sezioni, per creare anche figure tridimensionali. La temperatura di colatura non deve superare i 60°,  per evitare una totale fusione dello stampo.
  • quelli in lamiera, infine, sono consigliati soprattutto ai principianti, anche perchè sopportano temperature fino a 90° e non è necessario munirsi di un termometro in fase di cottura. E’ consigliabile, però, mettere una mano di distaccante per evitare  che, alla fine, sia difficile l’estrazione della candela stessa.

foto di: hobbycandele


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>