Come usare l’estintore

di Gianni Puglisi 0

Come usare l'estintore

Nessuno sa mai quando un incendio scoppierà. Non importa quanto state attenti a rendere la vostra casa a prova di fuoco controllando i collegamenti elettrici e gli apparecchi regolarmente, basta una scintilla ed un incendio può avvampare in pochi secondi. Per questo è importante avere un estintore in casa o in ufficio, e soprattutto saperlo usare. Ma se non l’avete mai fatto e non c’è nessuno vicino a voi che sa farlo funzionare, si rischia di andare nel panico. Vediamo dunque come usare l’estintore.

Fase 1: Leggere attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta. Ci sono vari tipi di estintori, ma le tecniche di funzionamento sono fondamentalmente uguali. Chiedere al rivenditore di spiegare meglio le istruzioni al momento della consegna. Ricordate che un estintore di solito ha bisogno di dieci secondi prima di emettere le sue sostanze chimiche, quindi se non funziona subito non preoccupatevi. Tuttavia, se è già stato parzialmente utilizzato, il tempo di attesa può durare meno di dieci secondi.

Fase 2: Essere consapevoli del fatto che gli estintori hanno date di scadenza. Di solito una durata di dodici mesi, a seconda della qualità della sostanza antincendio che contengono. Assicuratevi di averli riempiti con contenuti freschi e di averli sostituiti entro la data di scadenza indicata.

Fase 3: Classificazione estintori. Gli estintori sono classificati in classe A, B, C e D. Quelli di classe A sono utilizzati per materiali leggeri come legno, carta e cartone; di classe B sono stati progettati per liquidi infiammabili come il petrolio, cherosene, benzina e grasso; di classe C sono utilizzati in apparecchi come cablaggi elettrici e interruttori; classe D sono usati nei laboratori ed hanno lo scopo di controllare gli incendi avviati da sostanze chimiche. A parte questi, ci sono anche possibilità di cumulo, come il tipo ABC, che è composto di fosfato monoammonico, una sostanza a base di polvere gialla che non va bene contro gli incendi di apparecchiature elettriche come il computer, in quanto il componente chimico può attaccare e lasciare residui sull’apparecchio, causando ulteriori danni. Per motivi di sicurezza, scegliere di utilizzare tipi di estintori di una sola classe (Classe A, B, C o D).

Fase 4: Procedura (Tirare, Mirare, Premere, Spazzare). In primo luogo, trovare il perno posto sulla testa del estintore. Tirare il perno per slacciare la serratura. Quindi, puntare il beccuccio dell’estintore sul fuoco. Ricordate che per spegnere un incendio bisogna puntare l’estintore sotto il fuoco, alla sua base, e non sulle fiamme. Una volta presa la mira, gradualmente premere il manico per rilasciare il suo contenuto. Infine, muovere l’estintore come per “spazzare” con movimenti avanti e indietro in modo rapido.

Se ancora avete qualche dubbio, cercate corsi di formazione dei vigili del fuoco nella vostra zona. I vigili del fuoco di solito conducono corsi di formazione per la prevenzione di incendi, ed insegnano anche l’uso degli estintori.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>