Come verificare se uno scaldabagno non funziona a dovere

di Gianni Puglisi 0

Come verificare se uno scaldabagno non funziona a dovere Non sempre la produzione di acqua calda in una casa è assicurata  dall’alimentazione collettiva o dalla caldaia del riscaldamento centralizzato e, quindi, sempre più spesso ci si deve affidare al classico scaldabagno. Per quanto ormai sia un accessorio per certi versi superato, è in grado di svolgere bene il suo dovere, funzionando a gas o a elettricità. I secondi tipi sono più semplici da utilizzare e richiedono una manutenzione inferiore.

Per prima cosa, quando si utilizza uno scaldabagno, è meglio inserire nel bagno un interruttore differenziale di 30 milliampere, per questioni di sicurezza ed, inoltre, è indispensabile che non sia raggiungibile dalla vasca da bagno o dal box doccia. Se è necessario, poi, lavorare con il termostato, è consigliabile staccare la corrente. Il peggiore nemico di uno scaldabagno, è il calcare che, piano piano, si deposita sulla resistenza e ne riduce la capacità termica. Quando la lampada spia resta accesa per troppo tempo e se il termostato va periodicamente ritoccato verso l’alto, forse è il caso di rivolgersi ad un tecnico che si occuperà di pulire o sostituire la resistenza. Allo stesso modo, una bolletta elettrica esageratamente cara, indica certamente che qualcosa nell’impianto non funziona a dovere.

Le norme di sicurezza sono molto rigide in tema di istallazione e, se dopo un trasloco, uno scaldabagno appare sistemato in una posizione non giusta, meglio chiamare un esperto e farsi consigliare dove è meglio spostarlo. Per quanto riguarda, invece, gli interventi praticabili da soli, sono piuttosto pochi ma quando qualcosa non funziona perfettamente, è sempre bene dare una occhiata. Se la fiamma pilota, ad esempio, si spegne senza motivo o fatica ad accendersi,  si può tentare di pulire la termocoppia, formata da due metalli diversi che si dilatano in modo diseguale e lasciano passare il gas o lo bloccano. Si può anche controllare il beccuccio dal quale scocca la scintilla di accensione. Per la pulizia del calcare, invece, meglio affidarsi ad un tecnico, in quanto è bene usare degli acidi molto pericolosi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>