Come funziona il bonus nido 2017

di Mariposa Commenta

Con la Legge di Stabilità è stato introdotto un nuovo contributo a sostegno delle famiglie, si tratta del bonus nido 2017, che non va confuso con il bonus baby sitter. Sono stati garantiti fino a mille euro l’anno a tutti i bambini nati dal primo gennaio 2016 e fino ai tre anni di età. Attenzione, però, ai mille euro si arriva se il piccolo resta iscritto al nido tutto l’anno, altrimenti il bonus spetta in quota parte. Anche il buono nido verrà garantito a tutti, indipendentemente dal reddito.

bonus-mamma-2016

Chi può richiedere il Bonus Nido 2017

Il nuovo bonus asilo nido è un’agevolazione costituita da un assegno da 1.000€ l’anno che verrà erogato alle famiglie per sostenerle economicamente nel pagamento della retta e delle spese d’iscrizione ai nido pubblici o privati.

L’assegno verrà erogato fino al terzo anno di età del bambino. A differenza del Bonus Bebè, per cui solo chi rientra in determinati limiti ISEE può richiederlo, il nuovo Bonus Nido 2017 spetta a tutte le mamme e alle famiglie che iscrivono i figli al nido, indipendentemente dal reddito.

Al momento non ci sono altri dettagli su questa agevolazione. Bisogna probabilmente attendere l’approvazione definitiva della Legge di Stabilità 2017 e la successiva emanazione del decreto attuativo con cui verrà fatta chiarezza sulle condizioni e i requisiti per fare la richiesta.

Quali sono le differenze con il voucher baby sitter e asilo nido?

È diverso il voucher, destinato alle mamme che rinunciano al congedo parentale e consiste in un assegno mensile di 600€ al mese per pagare le spese di una baby sitter o la retta di un asilo nido.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>