Come fare la carta pergamena

di Daniela Commenta

A San Valentino manca poco meno di un mese, e quindi è giunto il momento di iniziare a pensare a come sorprendere il proprio partner; se le idee per il regalo non vi mancano, ma volete aggiungere qualcosa che lo stupisca veramente, puntate su un biglietto particolare, magari realizzato con un effetto speciale come la carta pergamena.

In effetti, la carta con effetto pergamena è molto affascinante, rievoca tempi antichi, messaggi segreti, e perché no, anche dichiarazioni d’amore, insomma, tutte sensazioni romantiche che a San Valentino non possono mancare. Se invece non avete intenzione di festeggiare San Valentino, potete realizzare la carta pergamena per organizzare una caccia al tesoro con gli amici, un biglietto spiritoso per un compleanno o per una festa di laurea. Vediamo quindi, come fare la carta pergamena.

Come fare la carta pergamena

Materiale occorrente: fogli di carta bianca, vanno bene anche i classici A4 per la stampa, una bacinella grande quanto il foglio scelto, acqua, caffè, cotone idrofilo e un accendino.

Realizzazione della carta pergamena

Innanzi tutto preparate del caffè e lasciatelo raffreddare; intanto riempite con circa due dita d’acqua la bacinella e, una volta che si sarà raffreddato, versateci il caffè e mescolate fino ad ottenere un liquido omogeneo. A questo punto si possono usare due metodi: o immergere completamente il foglio nella soluzione oppure servirsi di alcuni batuffoli di cotone idrofilo e tamponare il foglio su tutta la superficie con l’acqua e il caffè.

Una volta fatto diventare il foglio color marroncino appendentelo verticalmente, va bene anche sullo stendino, in modo da farlo asciugare; se una volta asciutto il colore del foglio vi sembrerà troppo chiaro, ripetete l’operazione e fatelo asciugare di nuovo. Il foglio asciutto potrebbe risultare un po’ increspato, se quest’effetto non vi piace sistematelo sotto ad una pila di libri per un paio di giorni.

Il foglio di carta pergamena potrebbe essere finito anche così, ma per dargli un’aria ancora più antica potete bruciacchiare i lati con un accendino o lasciarlo stropicciato senza stirarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>