Come riusare la polenta avanzata

di Valentina Cervelli Commenta

Come riusare la polenta avanzata? Può capitare di cucinarne in eccesso, o semplicemente di non consumarla tutta: in quel caso ecco alcune ricette che è possibile utilizzare per non mandare sprecato questo alimento tanto buono e versatile.

Polenta fritta

Quella della polenta fritta è senza dubbio il metodo di riciclo più semplice e diretto che esista. Basta infatti tagliare la polenta fredda e indurita a fettine e friggerla in olio di semi bollente da scolare quando bella dorata e da servire calda.

Polenta latte e zucchero

Viene mangiata moltissimo nel nord d’Italia ed è semplicissima: deve essere tagliata a cubetti e messa nel latte caldo zuccherato, come avviene con i biscotti. Il gusto è incredibile.

Gnocchi

Con la polenta avanzata è possibile anche creare dei fantastici gnocchi. Per 4 persone basta frullare 300 gr di polenta avanzata fredda con 1 tuorlo, 200 gr farina 0 e 2 cucchiai di parmigiano. Si dà all’impasto la forma voluta e li si cuoce e condisce come si farebbe con i normali gnocchi di patate.

Gnocchi alla romana (Finti)

E’ necessario tagliare la polenta a fettine e con il coppa pasta darle la forma dei classici gnocchi alla romana di semolino. Gli gnocchi devono poi essere inseriti in una pirofila ben imburrata e conditi a volontà con sugo e/o formaggi per essere poi cotti in forno a 200° per circa 10-15 minuti.

Panzerotti

In questo caso si punta al goloso, preparando un impasto frullando 350 gr di polenta con 180 gr circa farina. Una volta stesa come avverrebbe con la pasta normale si ottengono delle circonferenze che dovranno essere condite con ciò che più piace al fine di chiudere il panzerotto e friggerlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>