Come ballare la kizomba

di Gianni Puglisi 0

La kizomba è una danza popolare che piace moltissimo ai giovani e sta conquistando le palestre. È caratterizzata da movimenti lenti e sensuali del bacino, una musica caratterizzata da una mescolanza di generi e parole in portoghese. Insomma, l’originalità non manca. Come si balla? Se ve lo state chiedendo ecco i nostri consigli.

Come ballare la kizomba

Scegliete un partner, perché trattasi di ballo di coppia e mettetevi uno davanti all’altro. Dovrete restare uniti con il contatto delle braccia che dovranno formare una sorta di arco verso la sinistra. Mentre si tengono le ginocchia piegate leggermente, dovrete tenere il contatto anche con l’altro braccio: l’uomo dietro la schiena di lei, la donna dietro la nuca di lui.

Passiamo agli arti inferiori: la gamba sinistra di entrambi deve restare all’esterno. Il passo base è il tipico passo base che si ritrova anche nella salsa: il passo doppio. Infatti si inizia con un movimento laterale, uno avanti e uno indietro restando negli otto tempi. Il passo base può essere ripetuto fino a quattro volte consecutive e ripartendo ogni volta con una gamba differente. A differenza della salsa e dei ritmi latini, qui i movimenti devono essere lenti e sensuali. L’intesa tra i partner è fondamentale. È anche un modo per corteggiarsi.

Da dove arriva questa danza? Ha origine nello stile musicale angolana chiamato Semba, mescolato con un altro stile, Angolana anche, il Kilapanda. Si diffonde inizialmente quasi esclusivamente dai paesi africani di lingua portoghese, perché le lettere sono tutti in portoghese, per poi arrivare in Europa, prima ovviamente in Portogallo e poi in Francia.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>