Come coltivare girasoli pon pon

di Valentina Cervelli 0

Con l’arrivo dell’estate il terrazzo e giardino dovrebbero essere ricolmi di fiori: per ottenere tale effetto è possibile coltivare i girasoli pon pon: una varietà di questo stupendo fiore di tipo nano, ma davvero interessante dal punto di vista estetico.

Come coltivare girasoli pon pon


La coltivazione di questi fiori è molto più semplice di quello che si possa credere: servono infatti semplicemente dei semi di girasole di questa varietà, un bel vaso capiente, una buona esposizione e del terriccio ben concimato. Il girasole pon pon,  conosciuto anche sotto il nome di girasole teddy bear, possiede oltre al classico giallo acceso di questa fioritura, dei petali fitti e pomposi che ricordano proprio l’accessorio dal quale prendono il nome.

Piccolo cenno storico: questa varietà di girasole era quella più amata da Vincent Van Gogh. Per riuscire a coltivare questo fiore in modo ottimale bastano circa 10 giorni, se le condizioni vengono rispettate in modo corretto: è questo il tempo di cui necessitano i germogli per spuntare dal terreno. Insomma, sebbene il suo sviluppo sarà contenuto rispetto alla varietà classica di questo fiore, il suo aspetto sopperirà senza problemi alle “pecche” di grandezza.

Entrando nello specifico, il girasole pon pon necessita di un vaso di circa 30 cm di diametro, un po’ di terriccio universale concimato (meglio con stallatico, N.d.R.) ed un fondo di palline di argilla espansa per evitare che si formino ristagni d’acqua al momento dell’annaffiatura. Piccolo consiglio: una volta che le piantine saranno spuntate sarà meglio eliminare quelle più deboli e lasciare quelle più forti, in modo tale da far crescere la fioritura correttamente ed in modo rigoglioso.

Photo Credits | Zaleuskaya Nataliya / Shutterstock.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>