Come conservare i cibi freschi

di Francesca Spanò Commenta

Non è sempre facile capire come conservare i cibi freschi, soprattutto se non si è delle massaie d’esperienza. Il dubbio è sempre quello di trovare la temperatura giusta, che sia quella d’ambiente o del frigorifero ed evitare in questo modo che si deteriorino facilmente, prima che si abbia il tempo di consumarli. Proprio la temperatura, infatti, è fondamentale in tale occasione, visto che basta che superi di poco i 4,5 C° perchè i batteri comincino a moltiplicarsi in modo incontrollato. Qualunque alimento che sia molto delicato, comunque, a livello generale, non va lasciato all’aria per più di due ore, se si vuole mantenere pronto ad essere cucinato senza alcun rischio di intossicazione alimentare.

Le regole fondamentali da ricordare, comunque, sono queste:

  • il cibo fresco va preparato il prima possibile, perchè prima si mangia e più appetitoso sarà. Con il passare del tempo, inoltre, perderà parte delle sue vitamine e, quindi, diminuirà l’effetto benefico sulla salute del corpo umano.
  • quasi tutta la frutta e la verdura si conservano meglio in frigorifero.
  • patate e cipolle, invece, vanno sempre tenute all’aria aperta e, soprattutto, al buio.
  • per quanto riguarda i cibi in scatola, se sono aperti, possono essere messi in frigorifero tranquillamente. E’ bene sapere, però, che il loro aspetto e la loro qualità risulteranno migliori se tenuti in un recipiente di vetro.
  • Alimenti di natura acida, come pomodori e ananas, possono corrodere un rivestimento di metallo e perdere colore o sapore.
  • gli alimenti che non sono deperibili, come cereali o fagioli, vanno tolti dalle scatole e conservati in contenitori di vetro o plastica, inserendo sempre il coperchio. La credenza dove conservarli, deve essere fresca e buia. La frutta fresca e oleosa e i cereali integrali, però, contenendo sostanze che vanno a male facilmente, vanno messi in frigorifero.
  • Il pesce fresco di solito ha già una settimana al momento in cui viene acquistato, quindi va cotto o messo in freezer entro un paio di giorni. I pesci grassi come il salmone, si possono congelare per due mesi, tutti gli altri per quattro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>