Come diventare attori di teatro

di Daniela 1

Come diventare attori di teatro

Per molte persone, fare l’attore di teatro, oltre che un sogno è una vocazione, ma per diventarlo occorre intraprendere un percorso molto impegnativo: si tratta di una professione che richiede molti sacrifici e molto studio. Non ci si può improvvisare attori di teatro: il talento da solo non basta, è necessario studiare molto e perfezionarsi sempre.

La prima cosa da sapere se si intende diventare attori di teatro è, appunto, che il talento non basta: essenziale è la predisposizione a recitare e a comunicare senza imbarazzo, ma non solo: sono importanti anche la capacità di concentrazione, la determinazione, la cultura e la dialettica. Non fraintendeteci, però: il talento è molto importante, ma lo sono altrettanto la preparazione artistica, la volontà e lo spirito di sacrificio.

Per diventare attori teatrali la bellezza non conta più di tanto, a meno di non voler puntare solo su determinati ruoli: quello che serve è la capacità di trasmettere emozioni al pubblico non di offrire uno spettacolo solo agli occhi.

Per intraprendere questo percorso bisogni affidarsi a una buona scuola di recitazione, con corsi tenuti da maestri competenti in grado di tirar fuori il talento con l’ausilio di specifiche tecniche e studiando anche discipline afferenti alla recitazione, come la dizione, le tecniche di respirazione diaframmatica, la storia del teatro e della drammaturgia, la storia della recitazione, la lettura drammatica e le materie inerenti l’uso della voce. Non ci si può improvvisare attori di teatro, lo studio è fondamentale per questa professione; molto utile, è anche imparare una lingua straniera, soprattutto l’inglese, per proporsi anche a casting e produzioni internazionali

Attenzione, però: il web e non solo propongono moltissime scuole di recitazione, alcune sono effettivamente valide, mentre altre promettono percorsi ad alto livello ma i realtà non sono tali. Per non incorrere in spiacevoli situazioni, informatevi il più possibile presso amici, fate delle indagini e sondate bene il terreno prima di dare dei soldi o di sottoscrivere un contratto: ricordate che solo scuole serie e professionisti preparati potranno trasmettervi tutte le nozioni per diventare attori.

Dopo aver studiato presso una competente accademia di recitazione, bisogna iniziare a proporsi; molto utile è farsi fare un book fotografico e compilare un curriculum; all’inizio proponetevi anche per piccole parti, in modo da iniziare a farsi una rete di conoscenze; a volte sono anche gli insegnanti stessi ad indirizzare gli allievi migliori nel percorso da intraprendere dopo gli studi.

Attenzione alle agenzie: anche in questo caso, come in quello delle scuole, ci sono tante truffe; la regola principale è naturalmente quella di non pagare soldi a chi promette parti in questa o in quell’altra opera, al massimo sono da pagare solo le spese di registrazione, ma anche in quel caso è bene essere cauti; l’elenco completo delle agenzie artistiche italiane lo trovate sull’Annuario degli Attori.

Come diventare attori di teatro

State attenti anche a non bruciarvi lavorando come lavorando come comparse, per un semplice fatto: il regista si ricorderà di voi solo come comparsa e difficilmente vi chiamerà nuovamente per proporvi un ruolo da protagonista; il lavoro di attore e quello di comparsa sono due professioni diverse e come tali vanno separate.

Infine, ricordatevi che per diventare dei buoni attori l’umiltà è un valore da tenere sempre presente: va bene l’ambizione, ma la bramosia di successo e di denaro, alla lunga non pagano in una professione come quella dell’attore teatrale, perché si rischia di bruciarsi e buttare anni di studio e di sacrifici. Diffidate dalle ascese facili al successo: essere attori, tanto più di teatro, non è un modo per mettersi in mostra, bensì un’occasione per offrire al pubblico delle emozioni e, soprattutto una sfida con se stessi.

 

Photo Credit: Thinkstock


Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>