Come diventare parrucchiere

di Gianni Puglisi 0

Come diventare parrucchiere

Quella del parrucchiere è una delle professioni più affascinanti e creative ed anche una delle più gettonate nel momento della scelta del lavoro. Da non sottovalutare poi l’aspetto economico della professione che – a fronte di un investimento iniziale significativo – riesce a regalare soddisfazioni non di poco conto (provate ad entrare in un salone di bellezza e chiedete quanto costa un taglio o una messa in piega!). Ma come si diventa parrucchiere?

Sono lontani i tempi in cui per diventare parrucchiere bastava farsi assumere come apprendista, per rubare con gli occhi i segreti del mestiere. Oggi c’è una procedura ben precisa per diventare parrucchiere, regolata persino da una legge. Volete saperne di più?

Per diventare parrucchiere occorre prima di tutto essere in possesso della licenza di terza media. Dopodiché avrà inizio un percorso formativo della durata di tre anni, con la possibilità di scegliere tra diverse strade:

  • frequentare un corso di formazione della durata 2 anni presso una scuola riconosciuta. Al termine dei due anni formazione occorre un anno di specializzazione o stage in un’azienda di acconciatura;
  • richiedere un inserimento della durata di 3 anni presso un’azienda di acconciatura e contemporaneamente seguire un corso di formazione teorica;
  • svolgere un periodo di apprendistato della durata di due anni presso un’azienda di acconciatura e poi un anno di lavoro qualificato.

Qualunque sia il metodo prescelto per arrivare alla meta, al termine dei tre anni si potrà conseguire l’abilitazione e – volendo – ci si può mettere in proprio ed aprire un’attività indipendente.

Ovviamente fare il parrucchiere non significa solo “armeggiare” con le teste altrui, ma conoscere anche nozioni di cosmetica, di tricologia e – perché no? – di psicologia. Il parrucchiere non deve solo acconciare il cliente secondo le richieste di quest’ultimo, ma all’occorrenza saper consigliare tagli e colori, a seconda della personalità del cliente stesso.

E’ poi di fondamentale importanza l’aggiornamento continuo: le mode cambiano ed è importante saper saltare su qualunque treno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>