Come diventare venditore ambulante

di Gianni Puglisi 4

Come diventare venditore ambulante

Aprire un’attività in proprio può rappresentare una svolta nella vita, ma può anche rivelarsi un’arma a doppio taglio, specie se non si possiede un locale e si è costretti a pagare un salatissimo affitto a fine mese. Trenta giorni scorrono in fretta e può capitare che in quel lasso di tempo non si è guadagnato abbastanza per coprire le spese del locale, tanto da ritrovarsi costretti ad affondare nei conti personali per coprire il buco. Una soluzione al problema è rappresentata dall’apertura di un banco del mercato, con costi di gestione ridotti e – soprattutto – affitti meno cari.

Intraprendere l’attività di venditore ambulante non è così facile come lo era in passato, poiché molti comuni nell’ultimo periodo sono saturi di richieste. Ma non scoraggiatevi al primo tentativo e perseguite ugualmente la strada che porta alla realizzazione del vostro sogno. Come diventare venditore ambulante? Seguite le nostre dritte e scoprirete quali sono le procedure giuste.

Come diventare venditore ambulante

La prima cosa da fare se si vuole intraprendere l’attività di venditore ambulante è quella di scegliere il settore giusto. C’era un tempo in cui non esisteva alcuna differenza tra un settore di vendita e l’altro, mentre in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo conviene gettarsi sui generi alimentari vari o su una tipologia specifica, ma sempre nel campo dell’alimentazione (pesce, prodotti tipici, formaggi). E’ chiaro poi che nessuno vi vieta di tentare la strada dell’abbigliamento o della rivendita di scarpe, ma tenete conto che l’unico settore che risente solo marginalmente della crisi è proprio quello legato all’alimentazione (l’italiano medio rinuncia a tutto, ma non al gusto della buona tavola).

Una volta scelto il settore di vendita, occorre chiedere una licenza al proprio comune e poi fare richiesta di posteggio nei comuni in cui si vuole svolgere la propria attività. Inutile dire che – come per ogni altra attività di vendita – dovete aprire una Partita IVA. Se avete scelto il settore alimentare, dovete poi richiedere una concessione igienico-sanitaria alla ASL.

Se invece volete tentare la strada dell’ambulante itinerante (avete presente il carretto dei gelati che si muove in mezzo agli stabilimenti balneari?), avete bisogno di una licenza specifica, sempre previa richiesta al comune di appartenenza.


Commenti (4)

  1. MI CHIEDO ;COME POSSO VENDERE I PRODOTTI TIPICI -MOZZARELLE FORMAGGI ,PASTE ECC-IN MANIERA ITERENANTE -O AMBULANTE CON FURGONE -A NORMA – MI DITE I PASSI -LICENZIE .
    GGRAZIE ULISSE-

  2. Salve, io vorrei chiedere come procedere se volessi vendere al mercato settimanale (a Verona) dei cosmetici e profumi… Grazie!!

  3. Vorrei diventare ambulante ortofrutta e alimentare ho tutti i requisiti abito a Napoli ma ho un solo problema il furgone e intestato a mio marito mi hanno detto che deve essere intestato a me e vero?poi volevo sapere dove devo rivolgermi grazie ho bisogno del vostro aiuto

  4. buonasera mi chiamo gianluca mi sono comprato un furgone coibendato per trasposrto di mozzarella volevo intrapendre una vendita all’ingrosso in toscana ma non mi e riuscita voglio venderla per strada come e o delle belle idee volevo chiedere se conviene grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>