Come fare la spugnatura delle pareti

di Gioia Bò 0

Come fare la spugnatura delle pareti

Stanchi delle solite pareti monocolore? E allora forse sarebbe il caso di provare a ravvivarle con una bella spugnatura, una tecnica facile da imparare e divertente nell’esecuzione.

Non c’è bisogno di consultare un imbianchino professionista per ottenere il risultato voluto, ma basterà seguire passo passo questa breve guida e scoprire tutti i segreti di una spugnatura perfetta.

La prima cosa da fare è scegliere il colore della parete, la tinta del fondo sul quale andare a lavorare. C’è chi preferisce il bianco, per poi operare con diversi colori in superficie, ma l’effetto migliore è dato dalla stessa tinta in tre tonalità diverse (chiara, media e scura).

Mescolate i colori fino ad ottenere le tonalità desiderate e poi provatele su un cartoncino per verificare che rispondano davvero alle vostre esigenze. Una volta scelti i colori, potete procedere con il lavoro sulla parete. Come fare?

La prima operazione consiste nel tinteggiare la parete, così come vi abbiamo spiegato in un capitolo precedente. Per il fondo è meglio usare la tinta più chiara, ma in questo caso molto dipende dal gusto personale. Una volta passata la tinta (due o tre mani, a seconda delle esigenze), si passa alla vera e propria spugnatura.

Si può usare una spugna o uno straccio arrotolato (dipende dall’effetto finale che si vuole ottenenere), provando sempre su un cartoncino per verificare il risultato.

Ora si immerge la spugna nella tinta media e si comincia a “bagnare” il muro, poggiando la spugna stessa sulla parete senza strofinare. Ci si sposta poi man mano in senso orizzontale o verticale, bagnando nuovamente la spugna ogni volta che il colore perde consistenza.

A questo punto, si lava accuratamente la spugna e si ripete l’operazione utilizzando la tinta più scura (o più chiara, a seconda del colore utilizzato per il fondo). Finito il lavoro, occorre allontanarsi dalla parete e verificare attentamente il risultato, intervenendo – se necessario – con ulteriori spugnature sulle zone troppo chiare o troppo scure.

Insomma, il lavoro di spugnatura non è poi così difficile da eseguire: basta un po’ di pazienza ed un buon colpo d’occhio finale per verificare che il capolavoro sia veramente riuscito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>