Come ottenere degli anticellulite naturali

di Gianni Puglisi 0

Come ottenere degli anticellulite naturali

Superati i trenta anni, non sono poi molte le donne che possono vantare una pelle perfetta e priva di inestetismi, quali la tanto odiata “pelle a buccia d’arancia”. Questo perchè si assiste ad una progressiva ed inesorabile perdita di elasticità e arrivano i primi cedimenti in grado di farla insorgere. Lo strato superficiale dell’epidermide si assottiglia e le fibre che collegano pelle e muscoli diventano meno compatte. Ecco qualche piccolo rimedio, per tentare almeno di arginare il problema.

  • è possibile provare la combinazione di essenze floreali di arbusti ed erbe endemiche australiane. Si tratta, ad esempio, di callistemon, hakea teretifolia e planchonia careya. Si prendono insieme sei gocce la mattina e altrettante la sera per 14 giorni.
  • dopo la doccia, potete direzionare l’acqua fredda verso le zone colpite dalla cellulite. Disegnate idealmente una serie di cerchi, grandi e piccoli e poi, aumentate la temperatura dell’acqua e continuate. Alla fine completate con il getto freddo.
  • per migliorare la circolazione e mostrare gambe e glutei super sodi, potete ancora tentare con esercizi mirati per il rassodamento totale. Ecco, quindi, che potete sbizzarrirvi con: piegamenti sulle gambe, affondi, step, spinte all’indietro delle gambe da accovacciati e via dicendo. Se avete praticato per qualche tempo dello yoga, potete anche provare le posizioni più semplici, al fine di distendere ed allenare i muscoli.
  • prima della doccia e assolutamente prima di applicare qualunque olio o sostanza anticellulite, spazzolate per cinque minuti la pelle asciutta. Prendete, dunque, un guanto di crine e massaggiate gambe, braccia e tronco con movimenti ampi in direzione del cuore. Fate lo stesso con movimenti energici nella parte anteriore e posteriore delle cosce e quindi nei glutei, nelle braccia e nella schiena.
  • In Russia, per tonificare la pelle si attira in zone specifiche del corpo del vapore, lo stesso che si crea  nella banya, a metà tra il bagno turco e la sauna, con rami di betulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>