Come ottimizzare Mac

di Andrea 0

Come ottimizzare Mac

Anche se il battage pubblicitario vorrebbe farci credere il contrario, anche i Mac possono avere dei problemi e non andare veloci come quando appena usciti dalla scatola. Certo, i sistemi di casa Apple hanno bisogno di meno manutenzione rispetto a quelli Windows; non hanno bisogno di deframmentazioni o di correzioni del registro di sistema; ma questo non vuol dire che sono esenti da problematiche che possono diminuirne le performance. E allora eccoci qui per suggerirvi come ottimizzare Mac nella maniera più rapida e indolore possibile. A meno che il vostro computer non abbia dei limiti o dei problemi hardware, otterrete sicuramente dei risultati positivi.

Avvio automatico

Proprio come sui PC Windows, anche su Mac uno dei principali fattori che può rallentare le prestazioni del sistema è relativo ai programmi impostati per l’avvio automatico. Recatevi quindi nelle preferenze di sistema e controllate che non ci siano elementi superflui impostati per avviarsi automaticamente ad ogni accesso ad OS X. Si fa così:

  • Recatevi in Preferenze di sistema;
  • Cliccate su Utenti e gruppi;
  • Selezionate la scheda Elementi login;
  • Selezionate i programmi che volete rimuovere dall’esecuzione automatica e cliccate sul pulsante collocato in basso.

Pulizia della cache

Un altro modo per ottimizzare Mac è cancellare la cache dei programmi, che può contenere elementi corrotti e causare il rallentamento di talune applicazioni. Ora vi spieghiamo come si fa, ma prima di procedere fate un backup di sicurezza con la Time Machine di OS X.

  • Scaricate ed installate il programma gratuito Disk Diet dal Mac App Store;
  • Avviate Disk Diet;
  • Cliccate su Continua;
  • Mettete la spunta solo su Caches;
  • Cliccate su Avvia dieta.

Avviare i programmi in modalità 32 bit

Se utilizzate Mac OS X Lion e il vostro computer non è più veloce come quando avevate Snow Leopard, è probabile che il nuovo sistema faccia sentire il suo peso sulla RAM. Questo accade perché Lion e tutte le applicazioni incluse in esso (Safari, Mail, ecc.) vengono eseguite a 64-bit occupando un maggior quantitativo di memoria.

Tuttavia, è possibile attenuare il consumo di RAM da parte delle applicazioni più avide di memoria (innanzitutto browser e client di posta, come Safari e Mail) forzandole ad un avvio in modalità 32-bit. Ecco come si fa.

  • Avviate il Finder;
  • Selezionate la cartella Applicazioni dalla sidebar laterale;
  • Selezionate l’icona dell’applicazione da avviare in modalità 32-bit e premete la combinazione di tasti cmd+i;
  • Mettete la spunta sull’opzione Apri in modalità a 32 bit.

Liberare la RAM

Nelle occasioni in cui le applicazioni in esecuzione arrivano ad appesantire troppo la memoria del computer, è possibile liberare la RAM inattiva del Mac dando un semplice comando da terminale: purge. Usatelo con cautela, solo quando ce n’è veramente bisogno.

Correggere disco e permessi

Se il vostro computer è lento ma apparentemente RAM e programmi non c’entrano nulla, potete ottimizzare Mac e riportarlo ad un livello di prestazioni accettabile riparando gli errori e i permessi del disco. Ecco come in dettaglio.

  • Spegnete il Mac e riaccendetelo tenendo premuto il tasto alt della tastiera;
  • Selezionate il recovery disk (non il Mac HD);
  • Selezionate il Mac HD dalla barra laterale di sinistra;
  • Cliccare sul pulsante Verifica disco e attendere che la procedura arrivi al termine;
  • Cliccare sul pulsante Ripara disco e attendere che la procedura arrivi al termine;
  • Cliccare sul pulsante Verifica permessi disco e attendere che la procedura arrivi al termine;
  • Cliccare sul pulsante Ripara permessi del disco e attendere che la procedura arrivi al termine;
  • Riavviare il computer.

Al nuovo accesso ad OS X, dovreste notare subito un miglioramento delle performance.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>