Come preparare una marmellata

di Gioia Bò Commenta

In certi periodi dell’anno può capitare di avere in casa una grande quantità di frutta, difficile da consumare prima che marcisca e destinata quasi sempre a finire nella spazzatura. Perché allora non utilizzarla per preparare una marmellata?

Il procedimento è abbastanza semplice, sebbene richieda un po’ di tempo a disposizione, ripagando però gli sforzi con un risultato veramente straordinario e delizioso.

Cosa occorre per preparare un’ottima marmellata? Frutta, zucchero, tanta pazienza e buona volontà. E allora vediamo come procedere passo passo nella dolce preparazione, cominciando sin da subito ad affettare il pane per goderci il risultato del nostro lavoro.

La prima operazione da fare è quella di lavare accuratamente la frutta (ammesso che si voglia usare anche la buccia) o pelarla, eliminando le imperfezioni (le ammaccature, ad esempio). A questo punto ogni frutto viene tagliato in piccoli pezzi o passato attraverso il passaverdure, a seconda della consistenza, e poi messo in una pentola, aggiungendo lo zuccherro e, all’occorrenza, acqua e pectina.

E qui ci sono da fare delle precisazioni, a cominciare dalla quantità di zucchero da aggiungere. Solitamente la quantità di zucchero è la metà del peso della frutta (mezzo chilo per ogni chilo di frutta), ma molto dipende sia dal tipo di frutta (zuccherina o meno), sia dal gusto personale. Per quanto riguarda l’acqua, poi, dipende dalla consistenza del frutto che si utilizza, considerando che i frutti “duri” solitamente risultano meno acquosi dei frutti molli (volete mettere una mela con una fragola?). La pectina infine si può anche non usare nella preparazione di una marmellata, ma il suo utilizzo diminuisce il tempo di cottura ed evita di trascorrere ore ed ore a mescolare il tutto in fase di cottura.

Fatta questa dovuta considerazione, torniamo ai nostri frutti lasciati in pentola. Ebbene è il momento di iniziare la cottura, mescolando di tanto in tanto (un po’ più spesso se non si usa la pectina) e portando ad ebollizione fin quando non avremo ottenuto un composto soddisfacente. Come fare per sapere se la marmellata è pronta? Si può utilizzare un cucchiaino per verificarne la consistenza o mettere un pizzico di marmellata su un piano inclinato, assicurandosi che non scivoli via.

Quando avrà raggiunto la consistenza desiderata, sarà il momento di versare la marmellata nei contenitori di vetro a chiusura ermetica, lasciando freddare il tutto prima di sigillare. Ecco fatto, la marmellata è pronta ad arricchire le nostre colazioni o per essere utilizzata nella preparazione dei dolci.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>