Come pulire l’argento annerito

di Giulia Tarroni 1

Tutti noi abbiamo in casa collane, bracciali o anche soprammobili in argento che a causa dell’utilizzo e del tempo, si sono anneriti. Oggi ci occuperemo proprio di questo, di come pulire l’argento annerito, facendolo risplendere di nuovo, il tutto utilizzando dei metodi assolutamente low cost e naturali.

argento

Sale grosso e acqua

Ebbene si, potrà sembrarvi strano ma se avete degli oggetti molto anneriti e difficili da pulire, il sale grosso può venire in vostro aiuto: mettete in un recipiente acqua e sale grosso, una manciata circa, riempite il recipiente con gli oggetti che intendete pulire e aspettato un paio di ore. Al termine asciugate per bene con un panno.

Bicarbonato

Il bicarbonato in casa è davvero una sostanza dai mille utilizzi: in questo caso fate sciogliere in un litro di acqua circa 50 grammi di bicarbonato e fatela bollire: quando sarà fredda vi basterà immergere nella casseruola l’argenteria che volete pulire, fino a quando l’ossidazione non sarà andata via. Asciugate per bene ed il gioco è fatto!

Succo di un limone

Anche il succo di limone è un ottimo strumento contro l’ossidazione: anche in questo caso prendete l’oggetto che dovete lucidare, mettetegli sopra il succo di limone e strofinate con un panno di cotone asciutto e pulito. Vedrete che piano piano l’annerimento se ne andrà, lasciando una patina verde sul panno.

Dentifricio

In alternativa al succo del limone potete provare a strofinare sulla parte annerita un pochino di dentifricio a pasta bianca. In questo caso funziona sulle piccole macchie.

Foto credit Thinstock


Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>