Come pulire le cime di rapa

di Mariposa 0

Le cime di rapa sono una verdura saporitissima, ideale come contorno ma anche per dare sapore al primo piatto. Chi può resistere, per esempio, alle orecchiette, tipica ricetta pugliese? Se avete quindi intenzione di proporre un menù con questo ortaggio ma vi state chiedendo come si puliscono, dovete stare tranquilli. È semplicissimo e se avete dei dubbi non dovete far altro che seguire le nostre indicazioni.

 Come pulire le cime di rapa

  • Scegliete le cime più belle: la caratteristica deve essere steli sodi e sottile, infiorescenze chiuse e senza parti gialle. Le foglie devono avere un colore verde brillante.
  • Eliminate le sfoglie più spesse e ammaccate
  • Eliminate i gambi duri
  • Bisogna tenere le cimette e le foglie più tenere: è tutto molto facile e magari le prime volte potreste avere qualche dubbio, ma poi ci farete l’occhio e diventerà automatico. L’unico problema è lo scarto: purtroppo metà, o quasi, di quello acquistato finirà nell’umido, come succede con gran parte della verdura.
  • Mettete le cimette selezionate e le foglie in uno scolapasta: dovete sciacquarle in abbondante acqua fredda corrente. La cosa importante è rimuovere i residui di terra.
  • Rovesciate le vostre verdure in uno straccio da cucina in lino, questo serve per tamponare l’acqua in eccesso senza rovinarle o schiacciarle.

Potete a questo punto proseguire con la cottura: molte persone le fanno bollire e nella stessa acqua di cottura poi portano al dente anche la pasta, altri preferiscono il vapore (ci vogliono sono 15 minuti e restano belle croccanti). Nulla vi vieta di farle anche saltare direttamente in padella con un po’ di aglio, olio e peperoncino. Saranno molto saporite, un ottimo contorno.

Photo Credit | thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>