Come scegliere la carta di credito

di Marco 0

Come scegliere la carta di credito

Molti di noi possono essere confusi al momento della scelta di una carta di credito in quanto l’offerta è talmente vasta che, per uno che non è del settore, tutte possono sembrare uguali, e tutte vantaggiose. Come fare per selezionare quella che fa per noi? A meno che non vi venga offerta qualche soluzione dalla vostra banca per associare una carta di credito al conto a tassi agevolati, facciamo conto di partire da zero e scegliere nel mare magnum delle carte di credito. Ecco come si può scegliere una carta di credito.

Fase 1: Scopo. Perché si vuol usare una carta di credito? È possibile utilizzare carte di credito per diversi obiettivi. Ad esempio ci sono alcuni tipi che possono andar bene per le aziende, altri solo per uso personale, altri ancora misti. Conoscere il vostro scopo vi farà già eliminare alcuni tipi inutili o superflui.

Fase 2: Capire i diversi tipi di carte di credito. Ci sono molti tipi di carta di credito oggi disponibili. Ci sono le carte per gli studenti, per la vendita al dettaglio, carte di gruppo e tante altre. Si dovrebbe perciò capire il tipo di carta che vi serve.

Fase 3: Ricerca. Una volta selezionati alcuni criteri, cominciate a confrontare le varie offerte che ormai si possono trovare su internet. Si possono controllare le agenzie di tutela dei consumatori per stabilire se la carta è ad alto rischio o è affidabile, nonché il parere degli utenti che le hanno usate. Si possono consultare amici e parenti che hanno già carte di credito, e così via.

Fase 4: Confrontare i prezzi. Quando si seleziona una carta di credito, sempre confrontare i tassi. Assicurarsi che il basso tasso non sia solo introduttivo e cresca con il tempo. Controllare i tassi annui delle carte che si stanno prendendo in considerazione.

Fase 5: Costi accessori. Alcune carte di credito potrebbero addebitare un costo aggiuntivo per avere la tessera, a parte dagli altri oneri e spese che sono collegati ad essa. Controllate tutte le voci per fare un resoconto della spesa associata alla carta.

Fase 6: Anticipazioni di cassa. Se la carta di credito scelta offre anticipazioni di cassa, assicurarsi che nessun costo aggiuntivo sia addebitato sulla bolletta mensile per l’adozione di un anticipo in contanti. Si consiglia di chiedere informazioni al servizio clienti delle diverse società sul modo in cui calcolare le spese. Anche online si possono verificare queste informazioni.

Fase 7: Evitare alti tassi di interesse. Non volete di certo che tassi e spese si accumulino uno dopo l’altro. Leggere i termini per l’applicazione e il pagamento.

Fase 8: Clausola di default. Sapere se e quanto si pagheranno gli interessi che verranno aggiunti automaticamente se si paga in ritardo. Molte società di carte di credito utilizzano la clausola universale predefinita o clausola di default che gli permette di guadagnare di più stipulando un aumento nel tasso di interesse sul numero dei giorni di ritardo su un pagamento.

Fase 9: Evitare gli specchietti per le allodole. Gli aspetti che dovete controllare sono quelli scritti in piccolo e seminascosti, non vi fate attrarre dalle offerte stampate in grande, dai colori o da quanto vi sembrano simpatici gli impiegati a cui vi rivolgete.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>