Come fare lo sciroppo di amarene

di Mariposa 0

Se amate le amarene vi conviene approfittarne, non dureranno ancora a lungo e in questo momento sono davvero buonissimo. Lo sciroppo è perfetto per rendere un dolce particolarmente gustoso, ma anche per decorare un gelato o il sorbetto.

Come fare lo sciroppo di amarene

Ingredienti

  • 1 chilo di amarene
  • 1 chilo di zucchero
  • tre bicchieri di vino bianco
  • acqua qb

Preparazione

Lavate i frutti e privateli dello stelo e del nocciolino. È un’operazione un po’ lunga ma con l’apposito strumento dovreste cavarvela in massimo 30 minuti. Se il prodotto è trattato sciacquatelo anche con il bicarbonato, consiglio valido non solo per le donne incinte. Adagiatele in una pentola le amarene insieme a 2 bicchieri di vino bianco e lasciate cuocere a lungo mescolando spesso. A fine cottura (circa 20 minuti) filtrate il composto e tenetelo da parte.

Nel frattempo in un altro pentolino versate un chilo di zucchero con un bicchiere di vino bianco e un pochino d’ acqua e mettete sul fuoco  a  cuocere, quindi unitevi il composto che avete preparato in precedenza e lasciate cuocere ancora mescolando spesso, fino al raggiungimento della consistenza desiderata.

Quando poi il vostro sciroppo di amarene sarà completamente freddo, potete trasferirlo in un contenitore (magari di quelli con chiusura ermetica) oppure in una bottiglia (ovviamente questi strumenti devono essere sterilizzati precedentemente. Come sapete è un’operazione abbastanza semplice, perché sarà sufficiente fare bollire i contenitori di vetro.

Lo sciroppo è pronto. Ora potete stupire gli amici che vi vengono a trovare, ma anche sorprenderli con un regalino alternativo. In questo secondo caso, scegliete delle bottiglie carine, colorate o con una forma simpatica.

Photo Credits | thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>