Scherzi per il matrimonio da fare durante il ricevimento

di Mariposa 0

Scherzi per il matrimonio da fare durante il ricevimento

Gli scherzi al matrimonio sono un po’ come il pizzico di sale nell’impasto della torta. Non sono obbligatori, ma fanno la differenza e poi è un modo per sdrammatizzare quello che, altrimenti, sarebbe un evento decisamente troppo romantico. Attenzione però a non esagerare e soprattutto a non essere troppo volgari e offensivi.

Ricordiamo che le nozze sono una cerimonia pubblica e che gli sposi sono soliti invitare proprio tutti, dai parenti lontani al datore di lavoro. È bene quindi ridere, ma non ridicolizzare le persone. Ma quando si possono fare? Ovviamente prima, durante e dopo. Qui di seguito trovate quelli per divertirvi durante il ricevimento. Saranno anche un modo per intrattenere gli ospiti, magari tra una portata e l’altra.

Prove di convivenza

Sono tornati molto di moda i lavori domestici. Se avete voglia di scherzare un po’ sul tipo di coppia (magari molto tradizionalista o troppo moderna), potreste organizzare una serie di prove per lui e lei. Di che tipo? Lei dovrà superare dei test maschili e lui dei test femminili. La sposina per esempio sarà obbligata a riconoscere i calciatori della squadra più amata dal marito dal piede, i compagni di calcetto dalle mutande o magari i modelli di motocicletta, lui invece avrà un compito più impegnativo. Dovrà attaccare un bottone, lavare qualche piatto e possibilmente ricamare il suo nome su un paio di slip. Sempre per prenderli un pochino in giro potreste fargli scambiare le scarpe e obbligarli a fare il primo ballo in questo modo. Si chiamano prove di convivenza, ma è anche un modo per fargli capire come si sta nei panni dell’altro.

Cambiare il menù

Il menù è un grande classico dei ricevimenti di nozze. Di solito sono stampati a tema con il resto della cerimonia. Andate al ristorante circa 30 minuti prima degli sposi (o magari la sera prima) e sostituite i menù con quelli fatti da voi, che ovviamente devono essere spiritosi, contenendo piatti osceni, magari immangiabili o con ingredienti che gli sposi non sopportano. Per fare un esempio classico: ANTIPASTI Salatini Voul-au-vent, Bruschette “lascia il marito” con aglio e cipolla, PRIMI PIATTI di “chi me l’ha fatto fare” Zuppa di latte con biscotti stagionati, Timballo del traditore con riso amaro, SECONDI PIATTI Filetto della suocera arrabbiata, Croste di formaggio in salsa tartara ecc. Aggiungete voi tutto quello che vi viene in mente. Cercate di essere un po’ ironici e non siete troppo pedanti nel sottolineare alcune sfumature.

Il matrimonio è annullato

Nel corso del pranzo dovete far arrivare, improvvisamente e di fretta, un messo comunale. Allora ingaggiate un attore sconosciuto. Non può essere un amico, perché difficilmente riuscirà a essere serio. Deve annunciare che il matrimonio non è valido, per un piccolo vizio di forma. Durante la registrazione dei documenti (quelli depositati in comune), il computer ha avuto un problema e hanno registrato il nome di un altro sposo. Ora è necessario recuperare questa persona, far annullare le pratiche e ovviamente ricominciare tutto, dalle pubblicazioni comunali a quelle religiose. Vedrete che non crederanno subito a questa bufala. L’attore in questione deve essere bravo e rendere realistico il racconto. Il modo migliore è portare dei fac-simile di autocertificazioni in cui non compare il nome dello sposo, ma quello di un altro uomo. Mi raccomando, la scena non deve durare più di 40 minuti.

Bollicine per gli sposi

L’ultimo scherzo è davvero l’ultimo tocco di teatro per divertirvi un po’. Le bollicine in questione non sono quelle dello champagne ma del caffè. Gli sposi saranno molto stanchi, perché sicuramente a questo punto dei festeggiamenti sarete alla fine della vostra giornata. Comprate della frizzantina, la famosa idrolitina per rendere l’acqua frizzante. Ve la ricordate? Sostitute lo zucchero degli sposi con questa sostanza che creerà una divertente reazione a contatto con il caffè.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>