Teflon

di Mariposa 0

Teflon

Il Teflon è un materiale molto comune ed è presente almeno in ogni cucina. Si tratta di una materia plastica (politetrafluoroetilene) resistente alle alte temperature (fino a 200 gradi) e antiaderente, per questo motivo – per anni – è stato il principale rivestimento di pentole e padelle.

Dal 2004, però, le padelle in teflon stanno lasciando il posto a quelle in ceramica, perché uno studio condotto dall’Ente americano per la protezione dell’ambiente (EPA) ha dimostrato gli effetti cancerogeni di questa plastica, che di per sé non è nociva ma che in alcune situazione può risultare dannosa per la salute.

Il Teflon è pericoloso, in cucina, superati i 300 gradi perché rilascia sostanze nocive, in fase di decomposizione, e se viene graffiato. Nel primo caso, la situazione può verificarsi solo bruciando completamente il cibo durante la cottura. Inoltre, questa plastica può risultare dannosa per la salute nelle fasi di lavorazione, soprattutto a causa delle sostanze utilizzate per ottenerlo.

Chi continua a conservare i suoi tegami in Teflon, un composto a base di carbonio e fluoro, deve rispettare delle semplici regole per garantirne la durata. Prima cosa, la padella non va lavata ad alte temperature, ma è preferibile pulirla a mano, magari con una morbida spugna o un panno per romperla. Si può naturalmente mettere in lavastoviglie, ma evitando i lavaggi a temperature superiori i 50/60 gradi. Poi, se siete al primo utilizzo, ungetela con olio e burro internamente. Si consiglia di non sfregarla con detergenti abrasivi e pagliette e di non raschiare il fondo con forchette o palette per raccogliere il cibo.

Le altre denominazioni commerciali del politetrafluoroetilene (PTFE) sono Fluon, Algoflon, Hostaflon, ma anche Durit, Cortan e Greblon, ecc. E troviamo questo materiale non solo nelle pentole, ma anche nei tergicristalli delle macchine o come materiale isolante nell’industria elettrica. Si aggiunge al vetro smerigliato, per garantirne la tenuta e si usa durante il restauro di strumenti musicali a corde, proprio come i violini.

Photo Credits| ThinkStock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>