Come aprire un club

 
Marco
30 marzo 2011
1 commento

club privato Come aprire un club

Aprire un club, o un circolo privato, significa aprire un’attività senza scopo di lucro (il presidente o i soci non ci devono guadagnare), ma che possa permettere agli iscritti di condividere le stesse finalità sportive, culturali o ricreative. La procedura per aprire un club è semplice e piuttosto rapida, la maggior parte del tempo che si spreca dipende da quando gli ispettori dell’ASL arrivano per il sopralluogo, ma in generale in pochi giorni un club può essere aperto.

Leggi

In primo luogo bisogna trovare un locale. Questo, a seguito di eventuali lavori di manutenzione e ristrutturazione, deve soddisfare i criteri di sicurezza e igiene che un impiegato della ASL deve attestare. Le leggi per aprire un club sono le stesse per quanto riguarda un’attività commerciale e tutte richiedibili presso la Camera di Commercio dove il club dev’essere registrato, fatta eccezione per le retribuzioni dei dipendenti, la partita IVA (a meno che non si installino apparecchiature come i videopoker) e l’autorizzazione all’apertura.

Un circolo privato prevede la sua costituzione attraverso uno statuto. In esso va specificato l’organigramma, cioè da chi è composto il circolo (un Presidente, che è anche il legale rappresentante dell’ associazione; il Consiglio, che elegge il presidente ed applica il programma; l’Assemblea, che è costituita da tutti i soci del circolo); le finalità dell’associazione e come essa intende raggiungerle.

In particolare va specificato se, per entrare a far parte del club, bisogna pagare una quota o l’ingresso è libero, la cosa importante è che, per potervi accedere, c’è bisogno di una tessera di riconoscimento. La tessera è molto importante perché essa dà diritto ad accedere nei locali del club. In sua assenza il circolo può subire forti sanzioni fino alla chiusura.

Inoltre il club deve redigere ogni anno un bilancio in cui entrate e uscite sono giustificate. All’esterno dell’edificio non ci devono essere insegne, né può avere accesso alla strada diretto, per non confondere il club con un ristorante o un’altra attività commerciale.

Articoli Correlati
Come aprire un circolo

Come aprire un circolo

Un circolo privato è un locale il cui accesso non è rivolto a tutti ma solo ai soci dello stesso, i quali, possono diventarlo compilando una tessera che può essere […]

Come aprire una scuola

Come aprire una scuola

Aprire una scuola privata è una delle attività più semplici a livello burocratico in quanto c’è bisogno di un numero di autorizzazioni inferiori rispetto all’aprire altri tipi di attività. Chiunque […]

Come aprire un’edicola

Come aprire un’edicola

In un mondo in cui internet la fa da padrone, l’edicola continua ancora ad avere il suo fascino ed a resistere alla massiccia concorrenza della diffusione dei giornali on line. […]

Come aprire un franchising

Come aprire un franchising

Il franchising, in italiano affiliazione, è una soluzione commerciale per chi vuole avviare una nuova impresa senza però partire da zero, bensì affiliandosi ad un marchio già affermato; il franchising […]

Come aprire un’azienda

Come aprire un’azienda

L’unico lavoro stabile oggi in Italia è quello che uno si inventa, ed aprire un’azienda è uno di questi. Nelle intenzioni del Governo quest’attività, che in passato richiedeva file interminabili […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1miki

    Bisogna avere per forza un locale? O unposto dove farlo il club o circolo?

    22 nov 2013, 15:59 Rispondi|Quota