Come aprire una scuola

di Marco 6

Aprire una scuola privata è una delle attività più semplici a livello burocratico in quanto c’è bisogno di un numero di autorizzazioni inferiori rispetto all’aprire altri tipi di attività. Chiunque può aprire una scuola, a patto che soddisfi i requisiti prescritti dalla legge, cioè l’aver conseguito il diploma di maturità magistrale, classica o tecnica, mentre per i licei e gli istituti superiori bisogna avere anche cittadinanza italiana ed aver compiuto almeno 30 anni.

In primo luogo bisogna distinguere tra scuola privata paritaria e non paritaria. La prima è una scuola normale a tutti gli effetti uguale ad una pubblica, la quale può rilasciare diplomi e attestati con normali Esami di Stato, la seconda no, dunque comporta che uno studente che ha frequentato una scuola non paritaria debba poi effettuare l’esame per ottenere il diploma presso una scuola paritaria o un istituto pubblico. Un esempio classico di istituto non paritario è la scuola d’inglese che non rilascia il diploma di maturità, ma semplicemente un attestato di lingua inglese.

Per ottenere l’attestazione di scuola paritaria, il proprietario deve presentare domanda presso il Direttore Generale dell’Ufficio scolastico della regione di appartenenza entro il 31 dicembre di ogni anno. Ma questo è un passaggio successivo, dato che prima di tutto bisogna ottenere l’autorizzazione ad aprire la scuola.

Leggi e certificati

Una volta individuato un edificio e apportate le modifiche necessarie (impianto di illuminazione e riscaldamento, arredamento e quant’altro), bisogna ottenere la certificazione di idoneità dei locali dalla ASL. Per questo bisogna far domanda alla ASL di competenza e attendere che un incaricato effettui un sopralluogo. In pratica questo “tecnico” deve controllare il rispetto delle norme di sicurezza e di igiene. L’attestazione sanitaria deve essere ottenuta anche per quanto riguarda il personale docente e ausiliario che dovrà sottoporsi ad accertamento sierologico.

Dopo aver superato questi “esami”, bisogna inviare istanza presso la Direzione Didattica competente per attestare che l’istituto che si ha intenzione di aprire sia una scuola materna, elementare, media o superiore, o presso il Comune se si tratta di un asilo nido. Nella domanda va specificato il numero delle classi e gli orari di funzionamento della scuola.

Fatto questo è il momento di reclutare il personale docente. In questo caso valgono le stesse regole della scuola pubblica in fatto di idoneità, cioè i docenti devono avere acquisito un titolo idoneo ad insegnare nella scuola in cui stanno per essere assunti, nonché devono avere ottenuto l’abilitazione all’insegnamento. L’unica differenza con la scuola pubblica è che non devono necessariamente essere presi dalla graduatoria statale, ma possono essere nominati dal direttore scolastico.

Per informazioni più dettagliate consultate la legge specifica in materia.

Commenti (6)

  1. Siete stati abbastanza chiari sullo specificare i vari procedimenti per l’avvio di una scuola. vorrei sapere se una volta aperta la scuola per rilasciare attestati come diplomi bisogna fare richiesta al ministero.

  2. Buongiorno,
    quindi per aprire una scuola media o superiore gli insegnanti devono avere l’abilitazione all’insegnamento anche se attualmente la vecchia sis è stata sospesa? E per aprire una cuola recupero-anni (due anni in uno) vale la stessa normativa?
    Dove posso scaricare la documentazione e i contatti degli uffici pubblici di cui ho bisogno?

    Grazie per l’aiuto!

  3. Ad entrambe le domande la risposta è sì, mentre all’ultima dovrebbe contattare il Ministero dell’Istruzione

  4. La scuola può aprirla anche chi possiede un diploma di maturità scientifica?
    Grazie

  5. Salve,
    volevo sapere è possibile aprire una scuola elementare paritaria con una laurea in scienze dell’educazione ma senza l’abilitazione? Grazie per la risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>