Come curare l’orzaiolo

di Daniela Commenta

Prima o poi capita a tutti di veder comparire uno strano gonfiore sulla palpebra vicino alle ciglia: non spaventatevi, vi è soltanto venuto l’orzaiolo, un disturbo fastidioso ma che non comporta gravi conseguenze.

L’orzaiolo è un’infezione causata dal alcuni batteri del genere Stafilococcus, che colpisce alcune ghiandole posizionate alla base del ciglia; l’orzaiolo appare come un piccolo foruncolo che piano piano si riempie di pus e provoca rossore e gonfiore alla palpebra. Queste manifestazioni dell’infezione scompaiono da solo una volta che il foruncolo bianco si trova al centro dello stesso orzaiolo.

Per curare l’orzaiolo bisogna, innanzi tutto, tener conto del fatto che questa infezione rappresenta un abbassamento delle difese dell’organismo e che quindi è necessario ripristinarle; per questo scopo sono ideali i decotti e la tintura madre di tarassaco e di bardana. L’orzaiolo potrebbe essere anche la spia che qualcosa non va nella nostra dieta o nel nostro intestino, quindi per qualche settimana è meglio evitare di appesantire il fegato con cibi troppo grassi o elaborati; via libera, perciò, ad alimenti ricchi di vitamina A, C ed E, mentre sono assolutamente da evitare gli insaccati e le spezie.

Vediamo, ora, alcuni impacchi da usare per contrastare l’orzaiolo; per cercare di eliminare i batteri, fate degli impacchi a base di calendula: basteranno 15 gocce di macerato glicerinato da diluire in un po’ d’acqua calda. Con un cotton fioc imbevuto del preparato a base di calendula, tamponate la parte colpita da orzaiolo senza farlo entrare dentro all’occhio.

Per far maturare l’orzaiolo più in fretta, ricorrete ad un vecchio rimedio popolare: fate bollire dell’acqua, lasciatela intiepidire e miscelatatela con l’olio extravergine d’oliva, dopodiché imbevete un cotton fioc con questo preparato e ungete la zona dell’orzaiolo; chiudete gli occhi e lasciate riposare per qualche minuto.

Infine, un consiglio last minute per decongestionare un po’ la zona colpita dall’orzaiolo: fate degli impacchi di camomilla e vedrete che il gonfiore si attenuerà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>