Come fare il vino

 
Gioia Bò
13 marzo 2011
Commenta

come fare il vino Come fare il vino

Fare il vino in casa non è così difficile come potrebbe sembrare, a patto che si posseggano gli strumenti adatti a completare ogni fase della preparazione. Vero è che non si improvvisa contadini esperti dalla sera alla mattina, ma è vero anche che questa nobile arte può essere imparata e che ad ogni tentativo si diventa via via più esperti. Siete pronti per cominciare questa fantastica avventura? E allora seguiteci passo passo nella descrizione ed imparerete come fare il vino in casa in poche e semplici mosse.

La prima fase della preparazione consiste nella scelta dell’uva. Non tutti hanno a disposizione un vigneto nel proprio giardino, ma questo è il problema minore, poiché le uve possono essere acquistate nelle grandi aziende vinicole o dai piccoli proprietari terrieri che magari ne hanno in eccesso.

Una volta scelta l’uva adatta e stabilità la quantità che si vuole utilizzare, occorre procurarsi una pigiatrice o un torchio. Non lasciatevi spaventare dal costo dell’attrezzo e valutate la sua utilità anche per il futuro (in fondo è una spesa che si effettua una sola volta). Nel caso della pigiatrice il lavoro sarà effettuato completamente dalla macchina, mentre se utilizziamo un torchio dovremo lavorare a mano per fare in modo che gli acini vengano spremuti e fuoriesca il succo d’uva.

Una volta pigiati gli acini, raccogliamo il succo in un tino di legno e copriamolo con un telo, tenendolo in un ambiente la cui temperatura non superi i 20°C, affinché il mosto abbia il tempo di fermentare. Ogni 12 ore mescoliamo il liquido e ricopriamo con cura il tino. Quanti giorni occorrono per la fermentazione? Se si vuole ottenere un vino a bassa gradazione alcolica, basteranno solo 4-5 giorni di fermentazione, mentre se si vuole ottenere un vino più alcolico la fermentazione può arrivare fino a 20 giorni.

Terminata la fermentazione, si passa alla fase di svinatura, quella che prevede l’eliminazione delle parti solide (i pezzi di acini rimasti). Procuriamoci quindi un setaccio e raccogliamo il vino in un contenitore, per poi imbottigliarlo e lasciarlo riposare qualche mese.

Articoli Correlati
Come imbottigliare il vino

Come imbottigliare il vino

Quella di comprare il vino sfuso per poi imbottigliarlo a casa è un abitudine che sta prendendo sempre più piede anche per motivi economici: comprare il vino senza l’imballaggio e […]

Come fare per imbottigliare il vino

Come fare per imbottigliare il vino

Cosa può dare più soddisfazione che andare in una cantina e comprare delle belle damigiane di vino? Recarsi direttamente dal produttore permette di avere maggiore controllo sul prodotto e poi […]

Come aprire il vino senza cavatappi

Come aprire il vino senza cavatappi

Hai la bottiglia di vino perfetto per l’occasione, ma sul più bello scopri di non avere il cavatappi! Cosa fare? Rilassatevi, il momento è speciale e non può essere perduto. […]

Come eliminare il vino dai tessuti

Come eliminare il vino dai tessuti

Il vino è uno dei prodotti alimentari più buoni che possano esistere. Ha però alcune controindicazioni da non sottovalutare. Se infatti è sempre importante bere responsabilmente, è altrettanto importante evitare […]

Come scegliere il vino giusto in base alla portata

Come scegliere il vino giusto in base alla portata

Avete invitato a cena il capufficio di vostro marito o un ospite di riguardo e non volete assolutamente far brutta figura nel momento clou della serata. Avete apparecchiato per bene […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento