Come piantare i pomodori

di Marco Commenta

Un pezzettino di terra nel cortile di casa può diventare molto utile se si decide di piantarci delle verdure e trasformarlo in un orto. Se decidete di farlo, uno degli ortaggi più facili da piantare e più utili in cucina è il pomodoro. È molto facile da piantare e curare, e non ha nemmeno bisogno di un grande appezzamento di terra. E’ consigliabile piantare il pomodoro tra gennaio e aprile. Per sapere come piantare i pomodori, continuate a leggere.

Fase 1: Cosa ci serve. Tutto ciò che serve per piantare dei pomodori può essere acquistato nei negozi di giardinaggio, e si tratta di semi (decidete voi la quantità a seconda del pezzo di terreno che volete piantare), un vaso e una pala piccola.

Fase 2: I semi di pomodoro possono essere delicati quando esposti a condizioni climatiche estreme. Quindi, può essere meglio piantare il seme in un vaso nelle prime fasi per assicurarsi che sia abbastanza forte prima del trapianto all’aperto. Con la pala scavare un po’ di terreno nel vaso ed inserire i semi. Premere il terreno un po’ per renderlo compatto. Versare po’ d’acqua per inumidire il terreno, ma non metterne troppa per evitare di creare una pozzanghera.

Fase 3: Piantare il seme. Usando il dito indice, creare un foro sul terreno premendo verso il basso. Il foro non deve essere superiore a 2 cm di profondità. Inserire 2 semi di pomodoro in ogni buco e coprire con il suolo. Aggiungere un po’ di compost per coprire i semi. Posizionare il vaso su una zona vicino alle finestre dove possa prendere la luce del sole appena sufficiente. Non porlo, in questa fase, direttamente sotto il sole perché si rischia di bruciare le foglie e uccidere la pianta. Innaffiare la pianta ogni giorno con uno spruzzino.

Fase 4: Spostare il pomodoro all’aperto. Una volta che si nota che la piantina di pomodoro sta cominciando a far crescere le foglie, si può trapiantare. Ci vogliono di solito circa 10 giorni dal momento in cui sono stati piantati i semi per vedere le prime foglioline, ma proprio per essere sicuri, è possibile attendere per un mese prima di trasferirla completamente. Se vivete in una zona con condizioni meteorologiche estreme, può essere meglio mantenere la pianta in casa. Trasferire le piantine in un vaso più grande, invece di metterle nel vostro giardino, in quanto non possono sopravvivere se lasciate fuori. Se invece le condizioni meteo lo consentono, è possibile trapiantarla all’esterno, ad una distanza di 35-40 cm tra una pianta e l’altra.

Continuare a prendersi cura della pianta come al solito. Assicurarsi che ottenga la giusta quantità di luce solare e ricordarsi di mantenere il terreno umido. Evitare di spostare la pianta in continuazione. Se possibile, spostarla solo una volta. E’ meglio aspettare che la pianta di raggiunga almeno 6 cm di altezza prima di passarla sul terreno finale. Non mescolare diverse piante nello stesso vaso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>