Come realizzare i principali nodi del macramè

 
Mariposa
10 novembre 2011
0 commenti

Il macramè è un’arte molto antica, probabilmente di origine araba, ed è una tecnica per tessere i nodi. Attraverso questo lavoro è possibile realizzare merletti intrecciati, alla base di cucini, salviette, tovaglie o qualsiasi oggetto che può essere caratterizzato da questo speciale ornamento. Esistono dei nodi base per le prime lezioni, che permetteranno di prendere confidenza con questo divertente e raffinato hobby.

Da un punto di vista storico, la parola macramè deriva dalla fusione di due parole arabe “mahrana” che significa frangia e “rame” che invece vuol dire nodo, che poi rappresenta il punto cardine di questa tecnica. Secondo alcuni studi potrebbe derivare anche dal turco, “mahrama” (fazzoletto). Per iniziare il macramè bisogna dotarsi dei principali attrezzi da lavoro, che sono i seguenti:

  • Un cuscino o tombolone, rotondo o rettangolare (40cmx20cm): sarà il piano d’appoggio su cui lavorare il filato e fissare, con gli spilli, il vostro decoro.
  • Filato a propria scelta (lana, seta, sintetico, corda ecc). E’ importante che sia ben resistente e soprattutto non troppo sottile (del 12 è perfetto), almeno quando si è agli inizi.
  •  Uncinetti per montare i fili sul portanodi.
  • Spilli con capocchia colorata

Prima di incominciare a elaborare i vostri nodi, dovete scegliere un filo (o due) che avrà il ruolo di portanodi e si tratta del filo su cui vengono fissati i nodi stessi e deve essere ben teso, altrimenti sarà improbabile che riusciate a lavorare con agilità.

Il filo portanodi dovrà essere fissato in orizzontale sul cuscino con due spilli  e rimanere tirato come una corda. Individuate poi i fili annodatori, che invece dovranno essere legati sul portanodi. In che modo? La tecnica più semplice è piegare a metà un filo, far passare il cappio dietro il portanodi e infilarci i due gambi pendenti. Tirate.

Vi conviene bagnarvi un pochino le mani con acqua e amido o passarle nel borotalco per riuscire a lavorare con più abilità il vostro filato.


Fasi di esecuzione:
1Nodo semplice. È il nodo più facile in assoluto e il punto base del macramè. Prendete il filo annodatore, piegatelo a metà e passatelo sotto il portanodi (che deve sempre essere ben teso). A questo punto inserite il filo, nell’asola che si è creata. Ovviamente si può decidere di farlo sia verso destra sia verso sinistra.
2Nodo cordoncino.  È un nodo leggermente più complesso, ma la base è strutturata da quello semplice. In questo caso i fili annodatori sono due. Dovete quindi incrociare i due fili e formare due nodi semplici. Il punto questa volta sarà decisamente più spesso e si creerà una sorta di barra. Anche in questo caso è possibile scegliere l’orientamento a destra o a sinistra.
3Nodo piatto. Aumentano i fili. In questo caso ne servono ben 4 e di questi 2 hanno il ruolo di portanodi. Il movimento è abbastanza semplice. Dovente tenere fermi i fili centrali e far passare l’annodatore di sinistra sotto i due fili e quello di destra sopra (tirate bene). Il secondo movimento, invece, prevede di fare la stessa operazione stavolta, però, partendo con il filo di destra. Questo è uno dei nodi più usati in assoluto.
4Nodo Piatto Alternato. È un’alternativa a quello tradizionale e permette una decorazione un po’ più elaborata. Dopo aver fatto due righe intere di nodi piatti, prendete poi due fili da entrambe le righe e proseguite con un’altra fila di nodi piatti. Potete poi riprendere le righe principali e proseguire il vostro intreccio.
5Nodo Navetta. Fate prima di tutto un nodo semplice, poi prendete il filo di sinistra, passatelo sopra quello di destra e fate poi un altro nodo passando dal basso verso l’altro, prima di infilare il cappio dentro l’asola. Ecco qui un nodo che ha l’aspetto di essere doppio.
6Nodo perla. Questo intreccio è chiamato da molti anche pallino, proprio per la tipica forma. In questo caso avete bisogno di 4 fili da lavorare e 4 o 5 nodi piatti già formati. Dovete quindi prendere i due fili portanodi, che saranno sicuramente al centro, in mezzo ai 4 fili in lavoro, proprio sopra ai nodi piatti. È abbastanza complicato, quindi vi conviene utilizzare un uncinetto. Tirate poi per arrotolare il pallino verso l’alto. A questo punto potete fermarlo con un altro nodo piatto. E la perla è pronta.
Categorie: Fai Da Te
Tags: hobby creativi,  seta, 
Articoli Correlati
Come realizzare la tecnica batik

Come realizzare la tecnica batik

Il batik è una tecnica per tingere i tessuti con la cera. È un’arte antichissima che ha attraversato Paesi e tradizioni. Forse i primi batik li possiamo trovare in Egitto […]

Come realizzare una borsa in lana cotta

Come realizzare una borsa in lana cotta

Le borsette in lana cotta sono un accessorio molto divertente e utile. Possono essere utilizzate al posto della classica borsa in pelle, o sostituire i sacchetti di carta per confezionare […]

Fare il nodo alla cravatta

Fare il nodo alla cravatta

Per gli uomini la cravatta è un accessorio irrinunciabile, soprattutto per chi lavora in ambienti formali nei quali è d’obbligo; se per queste persone fare il nodo alla cravatta è […]

Come fare gli scooby doo

Come fare gli scooby doo

Avete presente quei portachiavi di fili intrecciati e colorati che si vedono attaccati agli zainetti dei bambini? Bene, sono gli scooby doo e, qualche anno fa erano una vera e […]

Come realizzare il papavero e la peonia con la carta

Come realizzare il papavero e la peonia con la carta

Le carte decorative utili a confezionare oggetti di fai da te o semplicemente ad avvolgere mazzi di fiori, sono molto varie e si riconoscono facilmente per la superficie irregolare e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento