Come coltivare il vetiver in casa

di Valentina Cervelli 0

Come coltivare il vetiver in casa nel proprio giardino? Non si deve aver paura di tentare la strada della coltivazione autoctona quando si è interessati ad una particolare pianta, sia che si desideri coltivarla per la propria alimentazione, sia come in questo caso per sfruttane gli oli essenziali.

Come coltivare il vetiver in casa

Il vetiver è una pianta originaria dell’India che è stata poi con i secoli naturalizzata in diverse parti del mondo. Grazie a questa sua diffusione coltivarla all’interno del proprio giardino è divenuto più facile: tutto ciò è dovuto all’adattamento dell’esemplare a differenti latitudini rispetto a quelle a cui era abituata.  Il vetiver è una graminacea che può raggiungere fino ad un metro e mezza di altezza caratterizzata da radici molto forti e robuste, a tal punto da essere usata a che per riassestare i terreni dalla bassa tenuta naturale.

Substrato e esposizione

Non c’è bisogno di grande impegno da parte della persona affinché il vetiver cresca forte e vigoroso: l’importante è che il terreno sia ben drenato sia che la coltivazione del vetiver avvenga in piena terra o in vaso. In questo caso uno strato di argilla espansa alla base del vaso con del terriccio universale opportunamente concimato sarà sufficiente per ottenere una piante rigogliosa. Piccola nota: il vetiver è una pianta dotata di una forte resistenza alla siccità. Non abbiate timore di esporle in pieno sole: si tratta di un esemplare che necessita di essere esposto in tal senso per poter crescere in modo ottimale e dare piena soddisfazione al vostro pollice verde.

Photo Credits | wasanajai/Shutterstock.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>