Come conservare la pappa del neonato

di Gianni Puglisi 0

Come conservare la pappa del neonato

Il momento dello svezzamento è abbastanza complicato per tutte le mamme, soprattutto per quelle che hanno deciso di dare al piccolo dei prodotti preparati in casa, o almeno in gran parte. Dal sesto mese, circa, il piccolino deve prendere le pappe, che sono di solito composte da brodo vegetale, le verdure passate, della carne (anche prosciutto, pesce e formaggio) omogeneizzata, olio, formaggio e delle ferine (semolino, multicereali, crema di riso, mais o tapioca).

Nella maggior parte dei casi, il brodo si prepara ogni due giorni e si conserva in frigo (nel vetro) e a parte le verdure lessate. Di volta in volta si assembla tutto. quando si va in vacanza però come si può fare. Ovviamente non potete pensare di andare al ristorante o stare in giro tutta la giornata, senza avere con voi la pappa del piccolino. Acquistate una borsa frigo, che può essere molto comoda.

Il brodo si può surgelare: la cosa migliore è creare delle porzioni già pronte, così da utilizzarne una alla volta. Le verdure passate potete invece metterle nelle formine del ghiaccio: un paio di cubetti a porzione.  Per carne o pesce l’ideale è ricorrere agli omogeneizzati, in questo modo si ha la certezza di avere prodotti controllati e poi, una volta aperti, in frigo durano circa 24 ore.

Le pappe già pronte, ovviamente, sono comode e contengono già tutto. Bisogna far scaldare il vasetto a bagnomaria o nel microonde. Qualsiasi ristorante non vi dirà di no, ma non è detto che il bimbo le mangi, se è abituato alla pappa della sua mamma.

 

Photo Credit | Thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>